Giovedì, 01 Luglio 2021 11:55

Ricerca. Il 94% dei pazienti affetti da cancro risponde bene ai vaccini COVID-19

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lo studio condotto dall'Università di San Antonio e dsll'Università di Ginevra

Uno studio statunitense e svizzero rivela che i pazienti con cancro sviluppano una buona risposta immunitaria ai vaccini mRNA COVID-19 tre o quattro settimane dopo aver ricevuto la loro seconda dose. Solo un piccolo gruppo dei pazienti non ha mostrato alcuna risposta ed ha sollevato domande su come verrà affrontata la loro protezione contro il virus in futuro

Lo studio
Tra i 131 pazienti studiati, il 94% ha sviluppato anticorpi contro il coronavirus. Sette pazienti ad alto rischio no. "Non siamo riusciti a trovare anticorpi contro il virus in quei pazienti", ha affermato Dimpy P. Shah del Mays Cancer Center, sede dell'Università di San Antonio nel Texas.
Il dottor Shah è l'autore dello studio, pubblicato sulla rivista Cancer Cell . I coautori provengono dal Mays Cancer Center e dall'Università di Ginevra.

"Con altri vaccini e infezioni, i pazienti con cancro hanno dimostrato di non sviluppare una risposta immunitaria così robusta come la popolazione generale", ha affermato il coautore dello studio Ruben Mesa, direttore esecutivo del Mays Cancer Center. "Aveva senso, quindi, ipotizzare che alcuni gruppi di pazienti ad alto rischio non avessero una risposta anticorpale al vaccino COVID-19".

"I pazienti con neoplasie ematologiche, come il mieloma e il linfoma di Hodgkin, avevano meno probabilità di rispondere alla vaccinazione rispetto a quelli con tumori solidi", ha affermato Pankil K. Shah del Mays Cancer Center, che è stato co-autore principale dello studio con Alfredo Addeo, oncologo senior presso l'Ospedale Universitario di Ginevra.

Tra i gruppi ad alto rischio, i pazienti che hanno ricevuto la terapia con Rituximab entro sei mesi dalla vaccinazione non hanno sviluppato anticorpi. Il rituximab è un anticorpo monoclonale utilizzato nel trattamento dei tumori ematologici e delle malattie autoimmuni.
I pazienti sottoposti a chemioterapia hanno sviluppato una risposta anticorpale, ma è stata attenuata rispetto alla popolazione generale. 

"Come si collega alla protezione contro COVID-19, non lo sappiamo ancora", ha detto il dott. Dimpy Shah.
La variante Delta e altri mutanti del virus COVID-19 non sono stati esaminati nello studio. Il team inoltre non ha analizzato la risposta delle cellule T e B che combattono le infezioni nei pazienti con cancro.

L'età media dei pazienti nello studio era di 63 annie la maggior parte di loro (106) aveva tumori solidi rispetto a tumori ematologici (25). La popolazione in studio era composta per l'80% da bianchi non ispanici, per il 18% ispanici e per il 2% neri.

"Ci auspichiamo che siano condotti ulteriori studi futuri anche su pazienti neri, asiatici e ispanici, per vedere se ci sono differenze nella risposta immunitaria alla vaccinazione", ha detto il dott. Mesa.
Nei paesi in cui mancano le vaccinazioni, si dice che una dose potrebbe conferire una protezione adeguata, ma questo potrebbe non essere vero nel caso dei pazienti con cancro, ha affermato il dott. Shah.
"Abbiamo osservato una differenza significativa nella risposta quando sono state somministrate due dosi", ha detto il dott. Shah. "Almeno per i pazienti con cancro, due dosi sono molto importanti per una solida risposta anticorpale".
Il Dr. Pankil Shah ha affermato che lo studio è unico perché, a differenza di altri studi condotti in passato che valutavano la risposta immunitaria il giorno della seconda dose o entro sette giorni da essa, mentre questo studio ha valutato i risultati dopo tre a quattro settimane.

Questa ricerca è stata resa possibile, in parte, da una sovvenzione del National Cancer Institute degli Stati Uniti al Mays Cancer Center e da una sovvenzione dell'American Cancer Society e della Hope Foundation for Cancer Research.

bianco.png