Visualizza articoli per tag: GIOCO ON LINE

ROMA - In un momento in cui si sta discutendo sulla legge di stabilità 2016, passata un po' in sordina negli ultimi giorni a causa degli avvenimenti di Parigi, alcuni movimenti politici stanno andando all'attacco dei giochi a premi online.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Lunedì, 20 Aprile 2015 15:07

Gaming online: un settore in continua crescita

ROMA - Il mondo dei gioco online continua a far appassionare sempre più italiani. A dichiararlo è l’Osservatorio del gioco online del Politecnico di Milano, in collaborazione con AAMS e Sogei, che ha analizzato tutti i dati riguardanti la raccolta nel solo 2014 in cui si è evinto che la spesa dei giocatori italiani è aumentata del 7,5% rispetto all’anno precedente.

Pubblicato in Società
Domenica, 10 Novembre 2013 10:15

Pochissima attesa nelle sale da Bingo online

ROMA - Il Bingo online è un gioco che sta avendo molta fortuna grazie alle promozioni che i siti casinò dedicano ai clienti appassionati di questo gioco, che si basa sull’uscita dei numeri e sulle loro combinazioni vincenti. Le combinazioni di gioco, che a poco a poco si vanno formando all’interno delle cartelle dei giocatori, pagano ricchi premi ad iniziare dalla cinquina.

Pubblicato in Tendenze
Etichettato sotto
Martedì, 15 Ottobre 2013 14:14

Gli italiani si confermano un popolo di giocatori

ROMA - Siamo un popolo a cui giocare piace sempre di più, d'accordo, e questa percezione la sentivamo francamente un po' tutti – il dilagare del poker su canali TV anche di importanza nazionale è emblematico - ma adesso ne abbiamo finalmente avuto la conferma ufficiale. In moltissimi infatti aspettavano i risultati dell'   Osservatorio Gioco Online, una ricerca zelantemente condotta dal competente   dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano, aiutato in partnership da Aams e Sogei, nonché da diverse società legate al gaming e all’informatica: quale sarà il ritratto che è venuto fuori degli italiani? Un ritratto che non si discosta poi molto da quello che era facilmente intuibile, anche se ci sono alcune sorprese.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Tonino aveva 43 anni quando è stato internato nell’ospedale psichiatrico giudiziario (Opg). Doveva starci sei mesi, sono passati due anni. I numeri in questo caso fanno la differenza perché Tonino è recluso nell’Opg di Aversa, un vero e proprio lager, come del resto tutti gli altri in Italia, dove, una volta dentro, il problema più grave non è tanto la mancanza di libertà quando la perdita del diritto di cura, della possibilità di rimettersi in gioco e di avere un’altra chance nella vita. Non smettono di ripeterlo i familiari di Tonino, che per lui vogliono un’opportunità in più.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto
Pagina 3 di 3