Sabato, 15 Febbraio 2014 18:10

Olimpiadi Invernali 2014. Emozioni azzurre a Sochi

Scritto da

SOCHINon smettono di regalarci emozioni gli atleti delle Olimpiadi Invernali di Sochi 2014. Dopo due giorni di medaglie azzurre, prima con la Fontana che ha festeggiato la medaglia d’argento nei 500 metri di short track,in una finale pazzesca in cui è successo tutto e più di tutto.

Una tripla caduta alla prima curva, causata da una manovra azzardata della britannica Elise Christie, butta a terra la nostra pattinatrice e la coreana Park, favorita della gara. La cinese Li, sulla carta la cenerentola delle quattro, resta in piedi e si avvia verso la vittoria. La Park prova a rialzarsi ma ricade. Fontana e Christie ripartono e chiudono rispettivamente terza e seconda. Al traguardo esultanze, disperazioni, caos. Per un attimo i giudici pensano addirittura di far ripetere la finale. Poi si accontentano di squalificare l’inglese e promuovere sul podio Fontana e Park, alle spalle dell’incredula Li. La giornata di oggi 15 febbraio 2014 inizia però con lo sci alpino, in particolare con il Super-G femminile, gara in cui l’Italia schiera Daniela Merighetti, Nadia Fanchini, Verena Stuffer e Francesca Marsaglia. Le azzurre non partono favorite, perché ci sono Tina Maze, Anna Fenninger e l’agguerritissima Lara Gut che godono dei favori dei pronostici, tuttavia possono decisamente porsi come outsider e fare una piacevole sorpresa a tutti gli italiani come ha fatto ieri Innerhofer. Nel pattinaggio di velocità, nella gara dei 1500 metri maschili, abbiamo due italiani: Mirko Nenzi, che ha ottenuto il 28° posto nei 500 m e il 25° nei 1000, e Matteo Anesi che fa il suo esordio in queste Olimpiadi, ma è un veterano e ha vinto la medaglia d’oro nel 2006 a Torino nell’inseguimento a squadre. La gara di Super-G, vede protagonista  le azzurre Nadia Fanchini, decima, e Verena Stuffer, undicesima, mentre Daniela Merighetti e Francesca Marsaglia non sono riuscite a concludere la gara. Nel torneo maschile di Hockey la Slovenia ha battuto la Slovacchia 3-1, mentre nel torneo femminile,la Svezia ha vinto 4-2 contro la Finlandia. Nello sci di fondo l’oro va alla Svezia, l’argento alla Finlandia e il bronzo alla Germania. La Norvegia chiude solo al quinto posto, quarta la Francia. L’Italia si classifica all’ottavo posto. Nello short track l’azzuro Yuri Confortola non è riuscito a qualificarsi alle semifinali dei 1000 metri, è arrivato quarto nella sua batteria con un tempo di 1′ 25″ 428. Nello short track femminile la protagonista è ancora una volta l’azzurra Fontana che ha vinto la sua quarta medaglia olimpica, la seconda in questa olimpiade di Sochi: è il bronzo nella gara dei 1500 metri. Dopo una partenza falsa della campionessa uscente Yang Zhou è andata avanti l’olandese Jorien Ter Mors, poi è passata in testa l’americana Emily Scott e poi ha preso l’iniziativa la coreana Suk He Shim subito seguita da Arianna, mentre dietro sono cadute l’altra coreana Kim e la cinese Jianrou Li (oro a sorpresa nei 500m). A tre giri dalla fine la Zhou si è intromessa tra Suk Hee Shim e Arianan Fontana, poi proprio la cinese ha chiuso in testa davanti alla coreana e all’azzurra. Oro dunque alla cinese Yang Zhou, che si riconferma campionessa olimpica, argento alla 17enne coreana Suk Hee Shim e bronzo ad Arianna Fontana. Terminata  anche la gara dei 1500 metri: la Medaglia d’Oro se l’è aggiudicata il polacco Zbigniew Bródka, gli azzurri Nenzi e Anesi si sono classificati rispettivamente al 17esimo e 39esimo posto. Le olimpiadi invernali 2014 hanno e continuano ad appassionare milioni di persone, il tifo azzurro continua, e tutti noi aspettiamo nuove medaglie e qualificazioni dai nostri atleti.       

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]