Lunedì, 04 Maggio 2015 15:22

Calcio. Taechaubol da lavapiatti a broker. "Ora voglio il Milan"

Scritto da

MILANO - "A 14 anni facevo il lavapiatti e a 16 ero già nel business dell'immobiliare. Ho lavorato in un ristorante di proprietà dei miei genitori in Australia, volevano che imparassi le vere difficoltà della vita. Poi, ho creato una compagnia online che operava nel mercato immobiliare, che fece ottimi profitti".

Si racconta così Bee Taechaubol, il thailandese in trattativa per l'acquisto di quote del Milan, "un club con potenziale illimitato", spiegando che proprio in Australia negli anni '90 è nata la sua passione per i rossoneri e che "mai" avrebbe potuto investire su un'altra squadra. "La Baronessa Rothschild mi segnalò che era possibile un investimento nel Milan - ha raccontato Taechaubol in un'intervista a Goal.com -. La sua famiglia non è molto interessata al calcio e, come me del resto, mai si sarebbero lanciati in un affare sul quale non avessero nutrito una vera passione. Ho iniziato a seguire il calcio italiano nei primi anni '90, quando il Milan era fortissimo e la Serie A era il campionato da guardare per eccellenza. Ai tempi ero in Australia, conoscevo tanti ragazzi di origine italiana e insieme a loro seguivo le partite. Mi ha sempre appassionato, mai avrei deciso di investire in un altro campionato". "Per questo ho sempre pensato: o investo sul Milan, oppure nulla" ha aggiunto il broker che nel 1997 "quando scoppiò la crisi del Sud-Est asiatico" e la sua famiglia "si trovò piena di debiti" lasciò l'Australia da ingegnere civile "con 2.000 dollari in tasca". Quasi vent'anni dopo prova a diventare azionista della squadra che un tempo ammirava. "Mai avrei potuto investire in un altro club, e avrei declinato comunque l'eventualità di essere coinvolto in un'altra iniziativa. Devo essere coinvolto passionalmente, e soprattutto puntare sempre al massimo. Il Milan è uno dei club più prestigiosi che ci siano, ha il potenziale illimitato", ha osservato Taechaubol, che, parlando delle sue possibilità di mettere assieme capitali per realizzare un affare, ha chiarito di avere "contatti in grado di sostenermi e essere miei soci. Ho sempre avuto tante proposte di società e collaborazioni in affari sparsi in tutto il mondo. Nel tempo ho potuto conoscere tante persone nei settori più disparati, per questo se volessi investire su qualcosa non sarebbe difficile per me trovare un partner interessato a seguirmi". Y1N-SN 04-MAG-15 15:10 NNN ZCZC4103/SXR OMI12435_SXR_QBXH R SPR S42 QBXH ANSA/ Calcio: Taechaubol, lavapiatti a 14 anni ora voglio Milan Il broker si racconta a goal.com, 'investimenti?nessun problema' (ANSA) - MILANO, 4 MAG - "A 14 anni facevo il lavapiatti e a 16 ero già nel business dell'immobiliare. Ho lavorato in un ristorante di proprietà dei miei genitori in Australia, volevano che imparassi le vere difficoltà della vita. Poi, ho creato una compagnia online che operava nel mercato immobiliare, che fece ottimi profitti". Si racconta così Bee Taechaubol, il thailandese in trattativa per l'acquisto di quote del Milan, "un club con potenziale illimitato", spiegando che proprio in Australia negli anni '90 è nata la sua passione per i rossoneri e che "mai" avrebbe potuto investire su un'altra squadra. "La Baronessa Rothschild mi segnalò che era possibile un investimento nel Milan - ha raccontato Taechaubol in un'intervista a Goal.com -. La sua famiglia non è molto interessata al calcio e, come me del resto, mai si sarebbero lanciati in un affare sul quale non avessero nutrito una vera passione. Ho iniziato a seguire il calcio italiano nei primi anni '90, quando il Milan era fortissimo e la Serie A era il campionato da guardare per eccellenza. Ai tempi ero in Australia, conoscevo tanti ragazzi di origine italiana e insieme a loro seguivo le partite. Mi ha sempre appassionato, mai avrei deciso di investire in un altro campionato". "Per questo ho sempre pensato: o investo sul Milan, oppure nulla" ha aggiunto il broker che nel 1997 "quando scoppiò la crisi del Sud-Est asiatico" e la sua famiglia "si trovò piena di debiti" lasciò l'Australia da ingegnere civile "con 2.000 dollari in tasca". Quasi vent'anni dopo prova a diventare azionista della squadra che un tempo ammirava. "Mai avrei potuto investire in un altro club, e avrei declinato comunque l'eventualità di essere coinvolto in un'altra iniziativa. Devo essere coinvolto passionalmente, e soprattutto puntare sempre al massimo. Il Milan è uno dei club più prestigiosi che ci siano, ha il potenziale illimitato", ha osservato Taechaubol, che, parlando delle sue possibilità di mettere assieme capitali per realizzare un affare, ha chiarito di avere "contatti in grado di sostenermi e essere miei soci. Ho sempre avuto tante proposte di società e collaborazioni in affari sparsi in tutto il mondo. Nel tempo ho potuto conoscere tante persone nei settori più disparati, per questo se volessi investire su qualcosa non sarebbe difficile per me trovare un partner interessato a seguirmi".

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]