Lunedì, 09 Settembre 2013 10:32

Vela. America’s Cup. Oracle, un acuto nella nebbia. Ma i kiwi sono avanti 3-1

Scritto da

SAN FRANCISCO – Nella tipica nebbia che avvolge la baia di San Francisco, si registra il primo acuto dell’imbarcazione detentore del titolo, primo punto per gli americani di ORACLE TEAM USA.

Alla quarta regata, l’australiano James Spithill, riesce finalmente  a mettere la prua del suo AC72 davanti a quello timonato da Dean Barker, precedendolo al traguardo di 8’’. Una gara condotta sempre in vantaggio, con i kiwi distanti quasi sempre 150 mt dalla poppa del catamarano statunitense. Fino alla terza boa, quando la parte prodiera del multiscafo a stelle e strisce, si è inabissata un po’ troppo rallentandone di fatto la volata verso la quarta boa e quindi verso la vittoria. Ecco perchè si spiega il riavvicinamento in prossimità del traguardo dei neozelandesi. 

Nella terza regata, invece, ancora una volta Emirates Team New Zealand ha avuto la meglio, dando dimostrazione di grande affidabilità e di straordinaria velocità.

A dir la verità, entrambe le imbarcazioni, ieri, con 22 nodi di vento, hanno superato più volte la velocità di 40 nodi, toccando a tratti anche i 44 (più di 80 km/h), vere formula uno dell’acqua.

Oggi si riposa e si ritorna in acqua martedì, con la regata 5 (alle ore 1:15 pm orario del Pacifico - le 22:15 in Italia) e regata 6  (alle ore 2:15 pm orario del Pacifico - le 23:15 in Italia). 

Per seguire le regate LIVE, americascup.com

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]