Print this page
Giovedì, 06 Settembre 2012 19:05

Iran. Giornalista condannata al carcere per aver insultato il presidente

Scritto da
Rate this item
(0 votes)
La giornalista condannata Zhila Bani-Yaghoub La giornalista condannata Zhila Bani-Yaghoub

Il marito dal 2009 in prigione. deve scontare 5 anni


TEHERAN - Zhila Bani-Yaghoub, questo il nome della giornalista, direttrice di Focus on Iranian Women e attivista per i diritti delle donne, condannata  lo scroso 2 settembre a un anno di carcere con l'accusa di aver fatto propaganda contro lo stato iraniano e di aver insultato il presidente Mahmud Ahmadinej?d .
Oggi Amnesty International ne ha chiesto l'immediato rilascio, ribadendo che la reporter ha solo esercitato il suo diritto alla libertà di espressione.
La chiamata è arrivata dopo Bani-Yaghoub, direttore del "Focus on Iranian Women" sito web, è stato convocato nella prigione di Evin il 2 settembre per servire un anno di carcere. . Seguito alla sua condanna per "propaganda diffusione contro il sistema" e "insulti al presidente", che è stato bandito dai media e le attività giornalistiche per 30 anni
"Le autorità iraniane deve immediatamente e incondizionatamente rilasciare Zhila Bani-Yaghoub, detenuta solo per aver pacificamente esercitato i propri diritti alla libertà di espressione consoni alla sua professione", ha detto Ann Harrison, responsabile Amnesty International per il Medio Oriente .
 
 "I giornalisti in Iran - ha aggiunto - devono sottostare a numerose censure nel  loro lavoro, tra cui la critica pacifica sui diritti umani. Le autorità iraniane devono allentare queste restrizioni illegali  e rilasciare tutti i giornalisti detenuti solo per aver fatto nel loro lavoro una battaglia per i diritti umani. "
 
Bani-Yaghoub era stata precedentemente processata e poi assolta da accuse in altre tre occasioni. Nell'aprile 2011 è stata accusata di avere aperto  un blog personale senza alcuna autorizzazione da parte delle autorità di governo.
Insomma, in Iran i giornalisti che esprimono opinioni contrarie a quelle delle autorità continuano ad essere perseguitati. Decine di questi sono stati torturati, arrestati e imprigionati in carcere, in condizioni  disumane, come ha più volte denunciato Amnesty.
 
Il marito di Bani-Yaghoub di Bahman, Ahmadi Amou'i. anche lui giornalista, è stato arrestato e condannato con l'accusa di attentare alla sicurezza nazionale a 5 anni di reclusione durante le elezioni politiche nel 2009, in seguito della  controversa vittoria presidenziale di Mahmoud Ahmadinejad.   
Bahman Ahmadi Amou'i ha iniziato uno sciopero della fame  due settimane fa. precisamente il 28 agosto,  in segno di protesta contro il suo trasferimento alla  prigione di Evin.  Lunedi 3 settembre, l'uomo ha smesso di prednere anche i suoi medicinali e ora di teme per la sua vita.

Super

Correlati

Ultime da Super

Related items