Mercoledì, 06 Febbraio 2013 21:20

Tunisia. Amnesty, occorre un'indagine urgente sull'uccisione di Chokri Belaid

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Amnesty International ha chiesto alle autorita’ tunisine l’apertura immediata di un’indagine approfondita, indipendente  e imparziale sull’uccisione dell’esponente politico di opposizione Chokri Belaid, ucciso a Tunisi il 6 febbraio 2013 di fronte alla sua abitazione.

Belaid, figura di spicco dell’opposizione di sinistra, era il segretario generale dei Patrioti democratici e criticava apertamente il governo, denunciando la violenza politica e chiedendo il rispetto dei valori democratici.

L’assassinio di Belaid, il primo del genere in Tunisia, e’ avvenuto nel contesto di crescenti tensioni tra i partiti politici. Esponenti dell’opposizione hanno denunciato di essere stati aggrediti e hanno accusato le autorita’ di non averli protetti adeguatamente.

Negli ultimi mesi, vi sono stati numerosi atti di violenza contro attivisti politici, sedi di partiti e incontri, compresa una riunione cui lo stesso Belaid aveva preso parte, il 2 febbraio. Anch’egli aveva denunciato di aver ricevuto minacce.

‘Le autorita’ tunisine non credano che potranno condannare l’omicidio e tirare dritto. Solo un’indagine pienamente indipendente e trasparente potra’ aiutare a fare luce sulle circostanze dell’omicidio di Chokri Belaid. Mai come oggi occorre che vi sia giustizia’ – ha dichiarato Hassiba Haji Sahraoui, vicedirettrice del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

‘Due anni dopo l’uscita di scena dell’ex presidente Ben Ali, assistiamo a una crescente sfiducia nei confronti delle istituzioni che dovrebbero proteggere i diritti umani. Le tunisine e i tunisini non si accontenteranno di un’indagine superficiale’ – ha proseguito Sahraoui.

‘Questo agghiacciante omicidio dev’essere una sveglia per le autorita’. E’ loro dovere proteggere tutti dalla violenza, compresi coloro che criticano il governo o il partito di maggioranza Ennahda. Nessun gruppo, a prescindere dalla sua affiliazione, deve sentirsi al di sopra della legge’ – ha concluso Sahraoui.

Amnesty International ha ribadito di nutrire gravi preoccupazioni sulla mancanza d’indipendenza del potere giudiziario tunisino e di ritenere necessaria una riforma nel settore della sicurezza.

L’organizzazione per i diritti umani, di fronte alle imponenti manifestazioni seguite all’omicidio di Belaid, ha chiesto alle forze di sicurezza tunisine di evitare l’uso non necessario o eccessivo della forza e di garantire che le persone possano esprime le loro idee pacificamente e liberamente.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]