Mercoledì, 27 Febbraio 2013 16:52

L'Europa vota sul futuro dei computer

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Legambiente: “Standard energetici più stringenti per risultati più significativi in termini di emissioni, risparmio ed efficienza”


ROMA - L'efficienza energetica dei nostri futuri computer e server verrà discussa e votata domani a Bruxelles. Legambiente chiede che l'Italia appoggi standard più stringenti di quelli proposti dalla Commissione Europea, per ottenere risparmi seri e consistenti. La proposta attuale, infatti, propone standard di consumo che la maggior parte dei computer di casa o da ufficio in commercio hanno già applicato dal 2011.

La direttiva Ecodesign, a cui fa riferimento il voto, è nata per introdurre standard di consumo ambiziosi che portino i produttori a migliorare progressivamente la qualità dei prodotti a parità di comodità d'uso e di costo per il cittadino.
Si tratta di un tema di grande rilevanza per il consumo elettrico nel nostro paese e in Europa: secondo uno studio preparatorio commissionato dall'UE ci sono in ballo almeno 15 Twh annui di energia elettrica al 2020: i nuovi standard, quindi possono fare risparmiare ogni anno, al 2020, l'equivalente del consumo elettrico di nove milioni di persone e circa 6 milioni di tonnellate di CO2.
 “Guardando agli attuali standard tecnologici sul mercato, l'Europa potrebbe e dovrebbe dare una forte sterzata verso l'efficienza energetica, se vuole essere all'avanguardia nel contrasto ai cambiamenti climatici e nella definizione di eco-misure di sostenibilità a livello mondiale – ha commentato il direttore generale di Legambiente Rossella Muroni -  anche perché parliamo dei consumi durante le fasi di stand-by o di pausa, non quelli col computer in uso, proprio per non porre limiti alla qualità delle performance del prodotto. Parliamo quindi, di puro spreco.”

In Italia ed in Europa ormai si producono pochissimi computer. Il nostro interesse strategico quindi è quello di tutelare il consumatore e le imprese abbassando i consumi senza influire sulle prestazioni, contribuendo ad abbassare l'inquinamento ma anche le bollette a fine mese

“C'è da notare – conclude Rossella Muroni  -  che per i computer non esiste neanche l'etichetta energetica per aiutare il consumatore ad indirizzarsi verso i dispositivi più risparmiosi, quindi è questa la sola strada per spingere verso la qualità e la virtuosità la produzione di computer, non potendo usare la leva del mercato”.

Legambiente e  Coalizione Coolproducts propongono quindi di puntare almeno al 20% in meno di consumo energetico (50% per le schede grafiche) quando il computer è in pausa (Idle) o in stand-by,  e di introdurre misure di attenzione verso il riciclaggio dei pc, l'impiego di materie riciclate nella produzione e la diminuzione di sostanze tossiche al loro interno. Tutte istanze per ora assenti nella bozza della Commissione europea,

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]