Martedì, 05 Marzo 2013 15:05

Venezia Mestre. Incentivare l'uso della bicicletta. Un esempio da seguire

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MESTRE (VENEZIA) - Uno sforzo verso la mobilità sostenibile lo sta facendo la provincia di Venezia, dove dal primo marzo è partito il bando per acquistare una bicicletta con sconti che sfiorano il 50%.

In questo modo l'assessorato ai trasporti sta mandando un segnale chiaro ai suoi cittadini, verso uno stile di vita più sano e consapevole nei confronti dell'ambiente che ci circonda. "Ogni cittadino - si legge nel bando -  ha il diritto di prenotare l’incentivo per una sola bicicletta. Le richieste ammissibili saranno registrate e prese in considerazione in ordine cronologico d’arrivo, fino all’esaurimento dei fondi disponibili.  
Un esempio che dovrebbe essere seguito specialmente nelle grandi città metropolitane come Roma e Milano. Non è una questione di mentalità, come riporta un tipico luogo comune, tutto italiano.
L'uso della bicicletta è ormai una scelta obbligatoria, specie in questi momenti di crisi economica. Se lo fanno a Mestre dove i mesi invernali sono rigidi, lo possono fare anche nelle città del centro sud. L'anno scorso il rapporto "Bici in città", stilato da Legambinete premiò  Bolzano e Venezia-Mestre per essere le città più “ciclabili” d’Italia.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]