Sabato, 26 Marzo 2011 18:36

Legambiente: "84% degli italiani contrari al nucleare, 78% insoddisfatto della politica energetica del governo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Legambiente in piazza per sostenere i Sì al referendum di giugno per fermare il nucleare e a favore dell'acqua pubblica. Cogliati Dezza: "Immediate dimissioni dei responsabili dell'Agenzia per la sicurezza nucleare italiana"



ROMA - In tanti, da tutt'Italia, hanno partecipato oggi alla manifestazione a Roma, da piazza della Repubblica a piazza San Giovanni, per dar voce a un'unanime sì per tutelare l'acqua pubblica e fermare il nucleare. Legambiente, promotrice, insieme a tante altre organizzazioni, dei comitati "Vota sì per fermare il nucleare" e "2 sì per l'acqua bene comune" ha voluto con la sua presenza sottolineare l'importanza di andare a votare al referendum del 12 e 13 giugno, spiegando tutte le ragioni a favore del sì.


La contrarietà degli italiani emerge anche dai risultati di un'indagine eseguita tra il 21 e il 23 marzo su mille cittadini da Lorien Consulting per il mensile di Legambiente La Nuova Ecologia. Ben l'84.3% degli intervistati è contrario allo sviluppo del nucleare in Italia, contro il 58.4% del 2010, mentre l'86.9% è contrario al suo sviluppo nella regione di residenza, contro il 66.2% dell'anno scorso. Il 77.7% del campione risulta insoddisfatto della politica energetica del governo, che dovrebbe piuttosto concentrare i suoi sforzi sulle fonti rinnovabili, quali il solare (così per il 63.8%), il fotovoltaico (46.1%) e l'eolico (41.3%) e diffondere la conoscenza di queste fonti. Il 63.8% degli intervistati attribuisce, infatti, lo scarso sviluppo delle rinnovabili alla carenza di informazioni sulla loro possibilità di utilizzo e il 57,9% sarebbe disposto a sostenerne lo sviluppo delle fonti pulite attraverso il pagamento in bolletta.


"La partecipazione alla manifestazione di oggi - ha detto il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza - è la chiara dimostrazione che la maggioranza del Paese è contraria a un ritorno al nucleare e non si farà ingannare dai trucchetti dell'esecutivo, che maschera i propri intenti dietro a una sospensione di dodici mesi delle sue decisioni e dell'attivazione delle procedure per la ricerca dei siti per le centrali nucleari in Italia".
A questo proposito Legambiente chiede le immediate dimissioni dei responsabili dell'Agenzia per la sicurezza nucleare italiana - a partire dal presidente Umberto Veronesi - che oltre a essersi rivelati assolutamente incompetenti nella valutazione del disastro nucleare giapponese, minimizzandone gravità e conseguenze, si sono comportati da veri e propri tifosi dell'atomo contravvenendo al ruolo super partes che un'Agenzia per la sicurezza dovrebbe garantire. Non si può dare per certa a priori, come l'Agenzia ha invece più volte ribadito, la sicurezza di un impianto nucleare, soprattutto in un Paese a forte rischio sismico come il nostro.
"Non è necessaria nessuna pausa di riflessione per valutare i rischi dell'energia nucleare, i costi di costruzione di nuove centrali e la mancanza, nel mondo, di depositi sicuri per le scorie - ha aggiunto Cogliati Dezza -. La moratoria al programma atomico decisa dal governo non è altro che un espediente per prendere tempo, evitare di mettere a rischio le elezioni amministrative e tentare di depotenziare il referendum. Fermare il decreto sulla localizzazione delle centrali non basta. Il nucleare va bocciato senza se e senza ma, perché non è l'energia che serve all'Italia".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]