Sabato, 19 Aprile 2014 15:00

Governo taglia Università e Ricerca. LINK e ADI pronti alla mobilitazione

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Il Governo Renzi potrà continuare a dire di cambiare tutti i versi che vuole, ma i numeri prospettati nel DL sulla Spending Review (art. 50 comma 6), licenziato ieri dal Consiglio dei Ministri, parlano della chiara volontà politica di affossare definitivamente il sistema dell'Università e della Ricerca pubblica, in perfetta continuità con il piano di smantellamento avviato da Berlusconi e proseguito con Monti e Letta.

"Finalmente Matteo Renzi ha gettato la maschera sull'Università – dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK - Coordinamento Universitario – dimostrando di ritenere la formazione accademica una delle prime voci di bilancio da tagliare.

Trenta milioni di euro tagliati per il 2014 al Fondo di Finanziamento Ordinario e addirittura 45 milioni per ogni anno a partire dal 2015; tutto ciò è inaccettabile."

“L'annunciata revisione della spesa pubblica – dichiara Federica De Luca, Rete della Ricerca Pubblica – si risolve tristemente nell'ennesima riduzione di risorse da destinare a Università ed Enti di Ricerca, gettando una grave ipoteca sulle possibilità di sopravvivenza del sistema pubblico della ricerca in Italia”

"I provvedimenti assunti dal Consiglio dei Minsitri, del resto – dichiara Antonio Bonatesta, Segretario Nazionale dell'Associazione Nazionale Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani – ignorano deliberatamente le recenti raccomandazioni del Consiglio Universitario Nazionale (CUN), per un piano di reclutamento straordinario necessario a mettere in sicurezza il sistema della Ricerca, gravato da oltre un miliardo di euro di tagli e dal blocco del reclutamento".

Crediamo che la vera risposta alla crisi economica e occupazionale attraversata dal Paese non consista in provvedimenti estemporanei dal retrogusto propagandistico, ma nel rilancio del sistema della formazione e della ricerca pubblica, unica strategia credibile e di lungo periodo per l'uscita dall'emergenza.

In tutto questo, appare tragicomica l'affermazione della Ministra Giannini, forse distratta dalla candidatura al Parlamento Europeo, in cui si sanciva la volontà da parte del MIUR di non effettuare più "tagli lineari": la realtà è ben diversa e di fatto si continua ad non ritenere il sistema della formazione e della ricerca pubbliche una risorsa centrale per lo sviluppo del Paese e per un'uscita alternativa dalla crisi economica. 

LINK - Coordinamento Universitario e l'A.D.I. lanciano un chiaro avvertimento al Presidente del Consiglio Renzi e alla Ministra Giannini: laddove questi tagli dovessero essere confermati studenti, dottorandi e ricercatori precari, saranno pronti ad una mobilitazione generale in tutti gli atenei e negli enti di ricerca del paese.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]