Mercoledì, 30 Aprile 2014 14:46

Aldrovandi. Antonio Marchesi, Amnesty: "Inaccettabile episodio"

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia, ha espresso il forte disappunto e la ferma condanna dell'organizzazione per l'inaccettabile episodio nel quale agenti di polizia riconosciuti colpevoli dell'uccisione di Federico Aldrovandi sono stati applauditi dai loro colleghi.  

“La cultura dell'impunita’, che facilita il ripetersi di gravi violazioni dei diritti umani, deve essere respinta, e non solo a parole, dalle istituzioni statali” – ha dichiarato Marchesi. “La migliore risposta concreta a questo vergognoso episodio sarebbe costituita da un impegno ad approvare in tempi rapidissimi l'introduzione del reato di tortura - tortura che esiste purtroppo nella realta’ ma e’ passata sotto silenzio nelle nostre leggi”. 

Antonio Marchesi ha espresso questa mattina la solidarieta’ e la vicinanza di Amnesty International e di tutti i suoi attivisti a Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]