Venerdì, 19 Settembre 2014 10:47

Vertice Onu sul clima. WWF, basta con apatia si deve agire ora

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - Sullo sfondo «della più grande manifestazione popolare di sempre sui cambiamenti climatici», indetta domenica a New York, il Wwf chiede ai Governi che si riuniranno per il vertice sul clima delle Nazioni Unite martedì 23, sempre a New York, di «prendere impegni chiari per un futuro a carbonio zero e alimentato interamente da energia rinnovabile».

Con i leader internazionali convocati nel mese di dicembre in Perù per il prossimo round negoziale sul clima delle Nazioni Unite, il vertice è anche un trampolino di lancio critico per poi garantire un forte accordo globale sul clima nel 2015 a Parigi. 

Insomma, «è ora di buttarsi alle spalle la deriva dei negoziati sul clima di Copenaghen- dichiara Mariagrazia Midulla responsabile clima ed energia del Wwf Italia- persone provenienti da tutti i ceti sociali, con imprenditori e società civile, si stanno unendo per lanciare un grido unanime: il cambiamento climatico galoppante va affrontato. La società si sta muovendo ed è ora che i Capi di Stato colgano la sfida del presente e del futuro».

Il vertice convocato dall'Onu è «un meeting di alto profilo e abbiamo bisogno di segnali politici chiari- rileva Midulla- i governi devono annunciare azioni immediate per stimolare lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili e di programmi di efficienza e risparmio energetico; al finanziamento per la riduzione delle emissioni e agli sforzi di adattamento ai cambiamenti climatici già in atto va data la priorità». «I Capi di Stato crediamo debbano abbinare queste azioni immediate con l'impegno a consegnare obiettivi nazionali forti per la riduzione delle emissioni, al più tardi entro il marzo 2015- dice Mariagrazia Midulla responsabile clima ed energia del Wwf Italia- l'Italia a New York giocherà un ruolo particolarmente importante: dovrà dimostrare di essere un Paese che aspira ad avere un ruolo internazionale e che ha un futuro di sviluppo nell'ambito dell'economia de carbonizzata del futuro». 

E, come presidente di turno dell'Unione Europea, il nostro Paese «deve dare esempio e segnali forti che l'Europa stessa può e vuole agire per costruire alleanze e fiducia tra i paesi e tra le culture- auspica Midulla- per un'azione globale, forte e solidale, per fermare la più grave minaccia che l'umanità abbia mai dovuto affrontare, il cambiamento climatico».  Il Wwf in definitiva si aspetta che «nel vertice di New York, Governi e imprese dichiarino i loro impegni per ridurre la deforestazione e il degrado globale, ridurre le emissioni  industriali, finanziare gli sforzi internazionali per aiutare i paesi più a rischio per gli effetti devastanti del cambiamento climatico».

(Dire)

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]