Giovedì, 19 Marzo 2015 10:45

Acqua. Cittadinanzattiva denuncia reti colabrodo e tariffe in aumento Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - Italia, Paese dalle reti idriche colabrodo e da tariffe per l'acqua che continuano a crescere.

Questo il risultato dell'indagine sui costi sostenuti dai cittadini per il servizio idrico integrato nel corso del 2014, realizzato dall'Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, e presentato in occasione della Giornata mondiale dell'acqua che si celebra il 22 marzo. Secondo il report è infatti in aumento «il costo dell'acqua: più 6,6% rispetto al 2013 e più 52,3% rispetto al 2007». Le città più care sono Firenze, Prato e Pistoia (563 euro all'anno), mentre la meno cara è Isernia (120 euro all'anno). Nel 2014, sempre secondo l'indagine, una famiglia italiana ha speso in media 355 euro. A livello regionale, quella in cui l'acqua è più 'costosà è la Toscana, quella in cui si spende meno è il Molise. La dispersione di rete più alta, fino al 60%, si ha in Calabria e nel Lazio; le migliori Valle d'Aosta (20%) e Trentino Alto Adige (26%); la media italiana è del 37%. 

Secondo Cittadinanzattiva le regioni centrali si caratterizzano per tariffe più alte con 468 euro all'anno. Il primato va alla Toscana: la spesa media in un anno è di 526 euro, con una incremento del 5,6% rispetto al 2013. Inoltre, sette delle dieci città più costose sono capoluoghi toscani, la cui spesa è aumentata rispetto al 2013. Tra le altre regioni centrali: le Marche (451 euro) con una variazione del 5,1% e l'Umbria (439 euro) con una variazione del 4,3%. Sono più virtuose le regioni del nord. Le principali variazioni rispetto al 2013, rileva l'indagine, si riscontrano nell'area settentrionale (più 6,8%), segue l'area centrale (più 6,3%) e quella meridionale (più 3,1%). Tra i capoluoghi di provincia, le città più care sono in Toscana: dopo Firenze, Pistoia e Prato, seguono Grosseto e Siena con 562 euro. La seconda meno cara dopo Isernia è Milano con 136 euro (con un aumento dell'8,7%). I maggiori incrementi rispetto all'anno precedente si registrano a Latina e Cuneo (più 17%). La tariffa più alta per il servizio di acquedotto è applicata a Reggio Calabria (355 euro), oltre 39 volte superiore a quella di Aosta (9 euro). Depurazione e fognatura costano di più a Carrara (298 euro), cioè sei volte di più rispetto a Cremona (49 euro). La quota fissa più elevata spetta a Gorizia (99 euro), 28 volte superiore a quella di Milano (3,50 euro). In Italia - continua il report - va persa in media il 37% dell'acqua immessa nelle tubature (più 3% rispetto al 2013). «È necessario - spiega la responsabile politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva, Tina Napoli - nell'ambito dei servizi idrici, nel nostro Paese raggiungere alcuni traguardi: garantire la fornitura di acqua potabile in tutte le aree, ridurre la dispersione idrica, garantire a tutti l'accessibilità e la qualità del servizio».

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]