Lunedì, 22 Giugno 2015 23:20

Clima. I Verdi scrivono al premier. Ecco la lettera. Renzi #CambiaClima Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Signor Presidente, L’Enciclica Laudato si’ di sua Santità Papa Francesco rappresenta un forte richiamo etico e morale per tutti i governi affinché si faccia presto per salvare il Pianeta dai cambiamenti climatici in atto che rappresentano un grave problema per le sorti della Terra e per le sorti dell’umanità.

In un passaggio di questa storica enciclica si afferma che «la tecnologia basata sui combustibili fossili, altamente inquinanti – specialmente il carbone, ma anche il petrolio e, a un livello minore, il gas – devono essere sostituiti gradualmente e senza ritardi». Si tratta di un messaggio importante che chiede a chi guida i governi di sostenere la conversione delle politiche energetiche verso fonti pulite.

L’inquinamento dell’aria, secondo l’Agenzia europea per l’ambiente in uno studio presentato a ottobre, in Italia costa 43 miliardi di euro l’anno: si tratta di 2,5 punti di Pil della nostra economia. Nonostante questi dati si taglia il trasporto pubblico e si consente di inquinare di più come accaduto con il decreto 91/2014.

Chiediamo al governo un radicale cambio di rotta sulle politiche ambientali e di contrasto ai cambiamenti climatici: con le scelte fino ad oggi adottate, non solo non si aiuta l’economia ma non si preserva nemmeno il futuro delle generazioni presenti e future del nostro Paese.

I costi economici e sociali dell’inquinamento, in Italia, sono pesanti se pensiamo che studi epidemiologici europei parlano di decine di migliaia di morti ogni anno nelle maggiori città italiane solo a causa delle polveri sottili; secondo uno studio dell’Agenzia europea per l’ambiente in Italia i morti causati dall’inquinamento sarebbero più di 67 mila ogni anno. A ciò vanno aggiunti i costi a carico del servizio sanitario e le giornate di lavoro perse che, in Italia, ammontano a 2,5 milioni.

Le politiche dell’Italia non vanno nella direzione di un reale cambio di strategia e di concreto contrasto ai cambiamenti climatici. La scelta fatta con il decreto Sblocca Italia di rilanciare la ricerca del petrolio attraverso le trivellazioni va nella direzione opposta a quello che si dovrebbe fare per ridurre il surriscaldamento del Pianeta. Insieme a questa scelta gli ultimi governi che si sono susseguiti hanno pesantemente penalizzato il settore delle fonti energetiche rinnovabili, a partire dal fotovoltaico, a tal punto che migliaia di imprese hanno chiuso provocando un grave danno all’economia e occupazione.

Le politiche di bilancio hanno portato a una drastica riduzione dei fondi per il trasporto pubblico locale a tal punto che oggi da Milano passando per Roma e Napoli arrivando a Palermo utilizzare i mezzi pubblici da parte dei cittadini è diventato un gesto eroico.

Le chiediamo un ripensamento e quindi un cambiamento su alcune scelte effettuate dal governo in materia di politiche energetiche, sul trasporto pubblico, sul consumo del suolo e della difesa della biodiversità:

  • 1.    Solarizzare e decarbonizzare l’Italia per puntare a una politica energetica 100% rinnovabile;
  • 2.    Un piano strategico per il trasporto pubblico;
  • 3.    Una politica per i parchi, la difesa della biodiversità e lo stop al consumo del suolo;
  • 4.    Una strategia industriale che investa nel radicale abbattimento dell’inquinamento e contestualmente favorisca l’innovazione tecnologica e di prodotto;
  • 5.    Politiche di defiscalizzazione per chi investe pulito.

Dobbiamo guardare al futuro creare le condizioni per anticipare la terza rivoluzione industriale e non è utopistico pensare che un giorno non tanto lontano, grazie anche alle nostre azioni e con accordi globali, il motore a scoppio sarà consegnato alla storia per far posto all’auto del futuro 100% pulita e non più alimentata dal petrolio.

Angelo Bonelli e Luana Zanella - Coportavoce Federazione Verdi

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]