Giovedì, 24 Settembre 2015 18:59

Immigrazione. Save the Children: Ue passi dalle parole ai fatti Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Europa ha un obbligo morale e giuridico

ROMA - L’Europa ha un obbligo giuridico e morale di proteggere i profughi, soprattutto i minori migranti non accompagnati a rischio di abusi, sfruttamento, violenza. Il piano di ricollocamento è un passo nella giusta direzione, ma non è sufficiente se si considera la quantità di persone che cercano di raggiungere le nostre coste. Il ricollocamento e le altre misure concordate devono essere realizzate al più presto mettendo gli interessi dei bambini, e in particolare di quelli soli, al primo posto, dalla registrazione al ricovero temporaneo, all'assistenza sanitaria. Ai rifugiati bisognerebbe inoltre garantire vie d'accesso all'Europa sicure e legali, aumentando in modo consistente il numero di reinsediamenti per proteggere i più vulnerabili". Commenta così l'esito del vertice Ue di ieri sera Raffaela Milano, Direttore dei Programmi Italia-Europa di Save the Children, l'organizzazione internazionale che dal 1919 è dedicata a salvare la vita ai bambini e a tutelarne i diritti."C'è  bisogno immediato di risposte concrete e non di parole. Proviamo ad immaginare cosa stanno vivendo in questo istante migliaia di bambini e le loro famiglie, arrivati in Europa in condizioni disperate, scampati alla morte in mare e ora lasciati a se stessi, senza assistenza o stipati in strutture di accoglienza spesso disumane", aggiunge Milano. "Per quanto riguarda il controllo alle frontiere, Save the Children è estremamente preoccupata per i bambini che si trovano in situazioni di caos dovute alla chiusura dei confini da parte di alcuni paesi europei. Migliaia di minori, anche piccolissimi, sono costretti a dormire all'aperto, esposti al rischio di ammalarsi o di essere vittime di trafficanti, violenze e sfruttamento.""Rispetto agli  interventi nei paesi di origine dei  profughi, sollecitiamo da tempo maggiori risorse economiche e un incremento di fondi da destinare ai paesi confinanti con la Siria. I tagli agli aiuti alimentari in Giordania, ad esempio, hanno spinto molte famiglie siriane ad attraversare il mare a bordo dei gommoni per raggiungere l'Europa, e anche questo ha contribuito a far sì che i rifugiati siriani rappresentino un terzo degli arrivi nel continente. Se i genitori rischiano consapevolmente la vita con i loro bambini anche piccolissimi è solo perché considerano questo tentativo più sicuro della situazione che cercano di lasciarsi alle spalle."

Secondo le stime di Save the Children, dal 1 gennaio al 22 settembre 2015 sono arrivati in Italia via mare 128.000, di cui almeno 17.750 donne e almeno 12.950 minori (3.770 accompagnati e 9.180 non accompagnati) che provengono per più della metà da Eritrea (3.324), Siria (1.821) e Somalia  (1.191) e da altre aree di grave crisi alimentare, povertà o violenza.Save the Children chiede all'Europa  in particolare di:

1. Proseguire le operazioni di salvataggio in mare, perché salvare le vite umane resta la priorità

2. Dare vita ad un sistema  di accoglienza e protezione europeo, con standard che assicurino il rispetto dei diritti umani e della dignità e con una particolare attenzione dedicata ai bambini, i più vulnerabili

3. Impegnare i Paesi Europei in un intervento organico  di riallocazione dei profughi che giungono in Europa e di re-insediamento di profughi direttamente dai paesi di origine o di transito, accogliendo ad esempio, nel caso della Siria, almeno il 5% dei rifugiati.

4. Attivare strade sicure e legali, alternative  ai trafficanti, per ottenere diritto di asilo in Europa, attraverso visti umanitari, il potenziamento delle procedure di ricongiungimento familiare, sempre a tutela del superiore interesse dei minori, scongiurando il ricorso a forme di detenzione, deportazione o respingimento

5. Intervenire sulle cause primarie della crisi, rafforzando  gli aiuti e la cooperazione e l'impegno diplomatico per la soluzione negoziata dei conflitti in Siria, Libia e in altri paesi.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]