Mercoledì, 21 Ottobre 2015 10:00

Ecco gli eco viagra dell'amore: dalla cicoria a l''nduja Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Dalla cicoria che risveglia l’eros alle mandorle che stimolano la fertilità, fino a pistacchi e cipolla rossa che aiutano a tenere alta la reputazione del “maschio latino” sotto le lenzuola, arriva ad Expo la top ten dei cibi afrodisiaci naturali.

Ad affermarlo è la Coldiretti che al padiglione “No farmers no party” all’ingresso del Cardo sud dell’esposizione universale ha allestito la prima esposizione dei prodotti che la scienza o la tradizione popolare hanno certificato avere proprietà afrodisiache, con tanto di assaggi e la presentazione dello studio “L’amore dell’orto”, in occasione del Mandorla Day. Proprio la mandorla – sottolinea la Coldiretti - è uno dei cibi indispensabili in un ménage di coppia. Secondo la medicina naturale – spiega la Coldiretti -, ne bastano 30 grammi al giorno per stimolare la fertilità nell’uomo e incrementare la passione, soprattutto nelle donne. Non a caso nel Medioevo la mandorla era uno degli ingredienti principali nella cucina di corte, indispensabile per i piatti afrodisiaci e i filtri d’amore, e ancora oggi si usa regalare confetti di mandorla in occasione di battesimi e matrimoni, per augurare fertilità e prosperità nella vita futura. Frutta secca e passione vanno a braccetto – continua la Coldiretti – anche nel caso dei pistacchi, come quelli di Bronte, considerati eccitante già nell’antichità, grazie all’abbondante presenza di antiossidanti. Il pistacchio potrebbe inoltre aiutare contro le difficoltà sotto… le lenzuola da parte dell’uomo.

Ma a stimolare l’eros sono anche delle verdure “insospettabili” – rivela la Coldiretti - come ad esempio la cicoria che è fonte dell’ormone maschile androstenedione. Il suo consumo almeno due volte alla settimana (250 grammi) riaccende le passioni sopite con il passare degli anni. Lo stesso discorso – aggiunge la Coldiretti -vale per il peperone che, soprattutto se appena colto, può essere considerato afrodisiaco grazie anche alla notevole presenza di vitamina C che ne fa un prodotto con spiccate caratteristiche antiossidanti, utili per la fertilità. Per chi riesce a sopportarne gli “effetti collaterali” sull’alito (comunque superabili strofinando sui denti foglie di salvia, oppure masticando prezzemolo, o chicchi di caffè, menta o chiodi di garofano), un altro toccasana – spiega la Coldiretti - è la cipolla rossa che vanta un elevato contenuto di ossido nitroso, il principio attivo contenuto nel viagra. Ai tempi dei faraoni dell'antico Egitto la cipolla rossa veniva data agli schiavi impegnati nella costruzione delle piramidi affinché acquistassero più energia. Ma anche l’aglio è un ottimo afrodisiaco – continua la Coldiretti – tanto che consumandone due spicchi d'aglio al giorno, per tre mesi consecutivi, è utilizzato nel trattamento dell’impotenza. Non a caso è tra i più popolari cibi afrodisiaci conosciuti al mondo: Ovidio consigliava agli amanti insalata di aglio e cipolle e Galeno definì il bulbo "eccitante per Venere".

Dalla terra all’acqua, un prodotto che stimola l’eros è anche l’anguilla – ricorda la Coldiretti -considerata afrodisiaca sin dall'antichità per la sua forma, che ha convinto anche gli antichi cinesi e giapponesi del loro potere di stimolare il desiderio sessuale. Un rimedio infallibile per evitare figuracce tra le lenzuola è anche – evidenzia la Coldiretti - il peperoncino che per le sue proprietà provate da studi scientifici. Proprietà che ritroviamo anche nella Nduja, il caratteristico salume calabrese che, grazie all’elevata presenza di peperoncino, aumenta l’afflusso di sangue agli organi. Pure lo zafferano – conclude la Coldiretti - è tra i principali alleati di una vita sessuale frizzante. Nella mitologia greca, Zeus giaceva con le sue donne su un letto di zafferano, per aumentare sensazioni e potenza sessuale. Dalla leggenda alla scienza, una ricerca dell'Università di Guelph (Canada), pubblicata su Food Research, che ha paragonato centinaia di studi sulle sostanze afrodisiache per comprenderne l’effetto sulla funzionalità sessuale, ha provato che lo zafferano sarebbe in grado di risvegliare i sensi.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]