Mercoledì, 28 Ottobre 2015 08:12

Rapporto: cala la libertà su internet, a rischio la libertà di espressione Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La libertà di accesso a internet si è ristretta per il quinto anno consecutivo in tutto il mondo, secondo l'organizzazione non governativa Freedom House.

In un rapporto pubblicato oggi, l'ong segnala che "significativi peggioramenti" sono stati registrati soprattutto in Libia, Ucraina, Russia, Turchia e Francia, mentre l'Italia resta nel gruppo dei paesi più liberi. Quasi sei persone su dieci (58%) nel mondo vivono in un paese in cui utenti di Internet e blogger sono stati incarcerati per la condivisione di contenuti on-line di carattere politico, sociale o religioso, secondo il rapporto annuale 2015 di Freedom House. La libertà di espressione su internet, inoltre, è diminuita in 32 paesi sui 65 presi in esame.

"Cali notevoli sono stati registrati in Libia e Francia, e per il secondo anno consecutivo in Ucraina, in conseguenza del conflitto e della guerra di propaganda con la Russia", ha sottolineato l'ong in un comunicato.La posizione della Francia ha visto invece un "restringimento" principalmente "a causa delle politiche adottate dopo gli attacchi terroristici a Charlie Hebdo" nello scorso mese di gennaio. In particolare, l'ong cita la controversa legge sui servizi segreti adottata dal Parlamento francese a luglio, che consente tra l'altro installazione di strumenti di analisi automatica dei dati, definita "scatola nera" dai suoi detrattori.Tra le peggiori performance figura quella della Cina, che si è piazzata in coda ai 19 paesi 'non liberi' dietro Siria e Iran. Il Paese più libero è risultato invece l'Islanda, seguita da Estonia, Canada, Germania, Australia, Stati Uniti, Giappone e Italia.Nella speciale classifica di Freedom House, il nostro Paese si trova in ottava posizione, dietro la Francia e a pari merito con il Giappone. I ricercatori dell'ong hanno notato che in Italia "generalmente non avvengono restrizioni su contenuti politici, nonostante ci sia un aumento drammatico di siti bloccati che si occupano di vendita di beni contraffatti, streaming e downloading di materiale protetto da copyright e gioco d'azzardo illegale"

Last modified on Mercoledì, 28 Ottobre 2015 11:32

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]