Mercoledì, 06 Aprile 2016 10:28

Anniversario sisma L'Aquila. Una ferita ancora aperta

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Il fatto non sussiste ma uccide: e' lo striscione simbolo che ha aperto ieri sera la fiaccolata all'Aquila, a sette anni dal terremoto che devasto' la citta' uccidendo 309 persone.

Lo slogan rimbalza da ore anche su Twitter, dove #LAquila e' trend topic da oltre un'ora, insieme agli hashtag #ionondimentico e #iononridevo. In settemila, in religioso silenzio, hanno percorso le strade del capoluogo abruzzese per ricordare e rendere omaggio alle vittime, che salgono a 310 se si considera la citta' stessa, dove le macerie sono ancora parte integrante del paesaggio e le attivita' commerciali fanno fatica a ripartire. Poi da piazza Duomo la protesta si e' spostata su un'altra piazza, quella di internet rappresentata dai social network, dove gli utenti concordano tutti sullo stesso punto: gli aquilani si sentono abbandonati nelle new town i cui balconi gia' cadono a pezzi, traditi dalle promesse di una veloce ricostruzione e irritati e feriti dalle risate, emerse dalle intercettazioni telefoniche, del prefetto Giovanna Iurato e del costruttore Carmelo Virga, entusiasta per i "venti anni di lavoro per le macerie".

"Era notte, quando all'improvviso a L'Aquila cadeva il mondo. E dopo 7 anni non si e' fatto ancora giorno" scrive un internauta. Gli fa eco qualcuno: "Le risate di chi pensava al guadagno e la faccia tosta di chi "gesti'" l'emergenza. #LAquila e' una ferita che non rimargina". E ancora: "Dal G8 all'oblio, fra promesse mancate e risate da iena". Altri invece ammoniscono i romani su Guido Bertolaso, allora numero uno della Protezione civile: "Quando qualcuno di voi avra' la malaugurata idea di votare #Bertolaso come sindaco di #Roma, ricordatevi de #LAquila". C'e' chi infine sottolinea come gli aquilani debbano ancora fare i conti con il trauma di quella notte: "Che ne sapete voi del sangue che si gela nelle vene quando, ancora oggi, la giornata e' interrotta da un boato qualsiasi". Un'altra utente invece pubblica dei versi di San Martino del Carso di Giuseppe Ungaretti: "non e' rimasto che qualche brandello di muro, di tanti che mi corrispondevano non m'e' rimasto neppure tanto, ma nel mio cuore nessuna croce manca". E osserva: "sembra scritta per L'Aquila".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]