Print this page
Venerdì, 08 Aprile 2016 13:44

Il Papa reintegra i divorziati

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

CITTA' DEL VATICANO - Il Papa, nell'Esortazione apostolica ''Amoris Laetitia'', accogliendo le considerazioni di molti Padri sinodali, invita a vedere quali divieti si possono superare nei confronti di divorziati e risposati.

Tra i veti, infatti, oltre alla comunione, per loro c'è ad esempio il divieto di fare da padrino, il ministro dell'eucaristia, l'insegnante di religione, il catechista. Il Papa scrive: " Accolgo le considerazioni di molti Padri sinodali, i quali hanno voluto affermare che ''i battezzati che sono divorziati e risposati civilmente devono essere più integrati nelle comunità cristiane nei diversi modi possibili, evitando ogni occasione di scandalo''". "La logica dell'integrazione - spiega Francesco - è la chiave del loro accompagnamento pastorale, perché non soltanto sappiano che appartengono al Corpo di Cristo che è la Chiesa, ma ne possano avere una gioiosa e feconda esperienza. Sono battezzati, sono fratelli e sorelle, lo Spirito Santo riversa in loro doni e carismi per il bene di tutti. La loro partecipazione può esprimersi in diversi servizi ecclesiali: occorre perciò discernere quali delle diverse forme di esclusione attualmente praticate in ambito liturgico, pastorale, educativo e istituzionale possano essere superate".

Il punto, scrive Bergoglio, è che "essi non solo non devono sentirsi scomunicati, ma possono vivere e maturare come membra vive della Chiesa, sentendola come una madre che li accoglie sempre, si prende cura di loro con affetto e li incoraggia nel cammino della vita e del Vangelo. Questa integrazione è necessaria pure per la cura e l'educazione cristiana dei loro figli, che debbono essere considerati i più importanti". 

La strada tracciata è quella del discernimento: "Se si tiene conto dell'innumerevole varietà di situazioni concrete, come quelle che abbiamo sopra menzionato, è comprensibile che non ci si dovesse aspettare dal Sinodo o da questa Esortazione una nuova normativa generale di tipo canonico, applicabile a tutti i casi. E' possibile soltanto un nuovo incoraggiamento ad un responsabile discernimento personale e pastorale dei casi particolari, che dovrebbe riconoscere che, poiché' ''il grado di responsabilità non è uguale in tutti i casi'', le conseguenze o gli effetti di una norma non necessariamente devono essere sempre gli stessi". "I presbiteri - dice il Papa - hanno il compito di ''accompagnare le persone interessate sulla via del discernimento secondo l'insegnamento della Chiesa e gli orientamenti del Vescovo. In questo processo sarà utile fare un esame di coscienza, tramite momenti di riflessione e di pentimento. Una sincera riflessione può rafforzare la fiducia nella misericordia di Dio che non viene negata a nessuno". Si tratta, spiega il Papa, "di un itinerario di accompagnamento e di discernimento che ''orienta questi fedeli alla presa di coscienza della loro situazione davanti a Dio. Il colloquio col sacerdote, in foro interno, concorre alla formazione di un giudizio corretto su ciò che ostacola la possibilità di una più piena partecipazione alla vita della Chiesa e sui passi che possono favorirla e farla crescere".  

Questi atteggiamenti, avverte il Pontefice, "sono fondamentali per evitare il grave rischio di messaggi sbagliati, come l'idea che qualche sacerdote possa concedere rapidamente ''eccezioni'', o che esistano persone che possano ottenere privilegi sacramentali in cambio di favori. Quando si trova una persona responsabile e discreta, che non pretende di mettere i propri desideri al di sopra del bene comune della Chiesa, con un pastore che sa riconoscere la serietà della questione che sta trattando, si evita il rischio che un determinato discernimento porti a pensare che la Chiesa sostenga una doppia morale". Nell' Esortazione, il Papa spiega che "per comprendere in modo adeguato perché è possibile e necessario un discernimento speciale in alcune situazioni dette ''irregolari'', c'è una questione di cui si deve sempre tenere conto, in modo che mai si pensi che si pretenda di ridurre le esigenze del Vangelo. La Chiesa possiede una solida riflessione circa i condizionamenti e le circostanze attenuanti. Per questo non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta ''irregolare'' vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante. I limiti non dipendono semplicemente da una eventuale ignoranza della norma". 

Il Papa dice che "è meschino soffermarsi a considerare solo se l'agire di una persona risponda o meno a una legge o a una norma generale, perché questo non basta a discernere e ad assicurare una piena fedeltà a Dio nell'esistenza concreta di un essere umano. È vero che le norme generali presentano un bene che non si deve mai disattendere né trascurare, ma nella loro formulazione non possono abbracciare assolutamente tutte le situazioni particolari". Il Papa mette in guardia sul fatto di non dare vita a casistiche intollerabili: "Nello stesso tempo occorre dire che, proprio per questa ragione, ciò che fa parte di un discernimento pratico davanti ad una situazione particolare non può essere elevato al livello di una norma. Questo non solo darebbe luogo a una casistica insopportabile, ma metterebbe a rischio i valori che si devono custodire con speciale attenzione". 

 

Last modified on Venerdì, 08 Aprile 2016 13:44
Redazione

Correlati

Ultime da Redazione

Related items