Martedì, 03 Maggio 2016 16:38

Libertà stampa, oltre 1410 giornalisti uccisi nel Mondo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Ventotto giornalisti italiani uccisi, 2800 minacciati, almeno 15 che vivono sotto scorta; 1410 giornalisti uccisi nel mondo: la libertà di informazione è sotto attacco ovunque.

In occasione, oggi, delle celebrazioni del Word Press Freedom Day, la Giornata Mondiale della libertà di stampa indetta dall'Unesco, tante sono state le iniziative pubbliche in memoria dei giornalisti uccisi e a sostegno dei cronisti minacciati in Italia a causa del loro lavoro. 

"L'Italia è il Paese dell'Europa in cui è più a rischio chi fa il giornalista - ha detto in una conferenza stampa alla Camera Claudio Fava (SI), vicepresidente della Commissione Antimafia e coordinatore del Comitato che si occupa di mafia e informazione - e non ci sono solo le minacce fisiche e verbali ma anche le querele temerarie, fatte o minacciate, oltre alla situazione di precarietà professionale, sempre più diffusa". Il direttore di Ossigeno per l'informazione - che ha presentato la ricerca su mafia e informazione svolta da Ossigeno su mafia e informazione su incarico della Commissione parlamentare antimafia - Alberto Spampinato, ha ricordato che il Parlamento il 3 marzo scorso ha approvato all'unanimità la Relazione dell'Antimafia sul tema. "Ci aspettiamo - ha aggiunto - che il Parlamento sia conseguente e cambi alcune leggi, innanzitutto proteggendo l'articolo 21 della Costituzione che afferma che l'informazione è un diritto ma la legge italiana non punisce chi impedisce di esercitarlo. Ci vuole, insomma, il reato di ostacolo all'informazione". 

E' inoltre necessario, per Ossigeno, uno sportello unico in cui vengano segnalate le violazioni e gli abusi e che possa intervenire con rapidità ed efficacia. La Giornata della libertà di stampa, è iniziata a Roma con un incontro tra 250 studenti delle scuole superiori, giornalisti minacciati a causa del loro lavoro e i familiari dei giornalisti uccisi presso la Biblioteca nazionale centrale e si concluderà alle 20 alla Casa del Cinema con la proiezione del documentario "Silencio" realizzato da Attilio Bolzoni e Massimo Cappello, che racconta le storie dei cronisti minacciati in Messico e in Calabria. E' stato inoltre realizzato un pannello con i volti dei 28 giornalisti italiani uccisi - 9 per mano di mafia e camorra, 2 vittime del terrorismo, gli altri 17 mentre erano all'estero - "Cercavano la verità: 28 nomi in una storia sola", che verrà consegnato a tutte le istituzioni.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]