Lunedì, 29 Agosto 2016 11:44

Allarme Cgia, più furti in negozio, uno ogni 5 minuti Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

VENEZIA - Un furto denunciato ogni 5 minuti: a lanciare l'allarme sull'impennata degli episodi di cui sono vittime negozi e botteghe in Italia è la Cgia, secondo cui il fenomeno ha subito negli ultimi 10 anni una crescita del 170%.

Se nel complesso i reati di questo tipo sono in diminuzione, quelli ai danni delle piccole imprese sono invece in fortissima crescita. Elaborando i dati Ministero dell'Interno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Istat, gli Artigiani di Mestre hanno scoperto che nel 2014 (ultimo dato disponibile) le denunce hanno sfiorato quota 106.500. Tra furti e spaccate è stato calcolato che si sono verificati mediamente 292 reati di questo tipo al giorno; 12 ogni ora, praticamente uno ogni 5 minuti. Niente vieta di pensare, sottolinea la Cgia, che negli ultimi 20 mesi la situazione sia peggiorata ulteriormente. Nel 2004 il numero di furti denunciati presso le attività commerciali e artigianali è stato di poco superiore a 39.300, nel 2007 ha toccato il picco massimo di questo ultimo decennio, 107.465.

Nel biennio 2008-2009, invece, ha registrato una leggera caduta. E' dal 2010 che questo reato ha ripreso ad aumentare costantemente, fermandosi, nel 2014, a quota 106.457. Le rapine sono un problema con cui devono fare i conti, in particolare, i commercianti del centro-nord. "Sia in termini assoluti sia in rapporto alla popolazione residente - conferma il segretario della Cgia Renato Mason - l'Emilia Romagna, la Liguria, la Lombardia, la Toscana, il Piemonte, il Veneto e il Lazio sono state le più colpite da questo reato contro il patrimonio. Sebbene i furti presso le attività economiche siano in costante crescita anche nel Mezzogiorno, il fenomeno al Sud presenta una dimensione meno preoccupante che nel resto d'Italia". Il 77,3% dei furti nei negozi, peraltro, rimane impunito. Vuol dire che nel corso dell'anno solo nel 22,7% dei casi denunciati, i responsabili vengono consegnati all'Autorità giudiziaria. I territori che presentano le situazioni più preoccupanti sono la Basilicata (81,4% di delitti dove non si è scoperto l'autore), le Marche (81,7), la Puglia (82,6) e la Campania (85,9). Tra i 36.700 autori di rapina, oltre il 60% è straniero e il restante 40% circa di nazionalità italiana. Tra gli stranieri che sono stati catturati dalle forze dell'ordine poco più di 1 su 4 era romeno (9.956 persone pari al 27,1% del totale degli arrestati nel 2014). Seguono i marocchini (2.291 persone, 6,2) e gli albanesi (1.133 persone, 3,1).

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]