Venerdì, 31 Marzo 2017 14:51

Giappone: 333 balenottere uccise

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TOKYO - La flotta giapponese per la caccia alla balena e' rientrata oggi in porto dopo la stagione venatoria annuale nelle acque antartiche, iniziata a novembre, che ha portato all'uccisione di 333 balenottere.

Lo ha reso noto l'agenzia nipponica della pesca. La flotta, composta da cinque navi, era partita nel novembre scorso per la caccia, a cui il Giappone attribuisce scopi scientifici, nonostante le proteste internazionali degli ultimi anni. L'uccisione delle balenottere, identica per numero di esemplari a quella del 2016, e' stata motivata dall'agenzia come "ricerca con lo scopo di studiare il sistema ecologico nel mare antartico". Secondo gli ambientalisti e la Corte di giustizia internazionale, tuttavia, le balene sarebbero cacciate per la loro carne. La caccia alla balena e' stata esplicitamente vietata dalla Corte di giustizia dell'Aja, che nel marzo 2014 ha diffidato il Giappone dall'uccidere i cetacei, accusando Tokyo di mascherare fini prettamente commerciali con pretese di "scientificita'" per aggirare la moratoria mondiale, in vigore dal 1986. Anche la Commissione internazionale sulla caccia alle balene (Iwc) ha contestato le "prove" fornite dal Giappone per giustificare la valenza scientifica della richiesta di uccidere 4mila balene nell'arco di 12 anni. Il Giappone ha condotto la caccia alla balena ogni anno nell'arco degli ultimi 70 anni. Unica eccezione la stagione 2014-2015, a ridosso della sentenza della corte dell'Aja. Per molti anni il governo nipponico aveva giustificato l'attivita' delle baleniere con il fatto che molte specie di balena non sono a rischio di estinzione e che il consumo della carne di balena fa parte della cultura nazionale. Dal 1987, un anno dopo l'entrata in vigore della moratoria internazionale, il Paese ha addotto ragioni scientifiche.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]