Venerdì, 26 Agosto 2011 13:41

Emendamento dei Radicali alla manovra per abolire l'esenzione Ici per gli enti religiosi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - I radicali italiani presenteranno un emendamento alla manovra finanziaria per abolire l'esenzione Ici per gli immobili di proprietà di enti religiosi (leggi: Chiesa cattolica) utilizzati anche per finalità commerciali. 

La proposta del partito di Marco Pannella e Emma Bonino punta a sgombrare il campo da fraintendimenti e interpretazioni divergenti: “L’esercizio a qualsiasi titolo di una attività commerciale, anche nel caso in cui abbia carattere accessorio rispetto alle finalità istituzionali dei soggetti e non sia rivolta a fini di lucro, comporta la decadenza immediata dal beneficio dell’esenzione dall’imposta”. Rimarrebbero esenti gli edifici adibiti all’esercizio del culto (qualsiasi) e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi, a scopi missionari, alla catechesi, all’educazione cristiana, nonché le attività di assistenza e beneficenza come La Caritas.

Dopo che nel 2005, l'allora secondo governo Berlusconi aveva reintrodotto l'esenzione, bocciata dalla Corte Costituzionale, per tutti gli edifici, anche quelli a carattere commerciale, di proprietà di Enti religiosi e Onlus, il successivo governo Prodi provò a metterci una pezza. Molto striminzita, potremmo dire, visto che rimase l'esenzione  non solo per gli edifici di culto o per quelli destinati alla formazione del clero e alle attività cosiddette “meritevoli”, ma anche per quelli destinati ad attività “non esclusivamente commerciali”.


Si può facilmente immaginare  come quel “non esclusivamente” abbia enormemente allargato la platea degli immobili per i quali è teoricamente prevista l'esenzione: strutture ricettive, cliniche e case di cura, scuole private. Una norma che costa allo stato italiano 400 milioni di euro l'anno. Tanto dovrebbero pagare di Ici le attività ecclesiastiche che abbiano anche una natura commerciale secondo l'Anci, l'Associazione nazionale dei comuni italiani
Per  non parlare di come la formulazione così ambigua della legge abbia favorito i più “furbi”: ad 11 milioni di euro ammonterebbe l'evasione fiscale a Roma relativa agli edifici che hanno beneficiato dell'esenzione Ici senza averne i prerequisiti, secondo quanto dichiarato dal Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in risposta ad un'interrogazione proprio dei Radicali
In tempi di di manovre “lacrime e sangue” per risanare le finanze pubbliche, i privilegi concessi al Vaticano stanno suscitando accesi  proteste, soprattutto on line.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]