Sandro Marucci

Sandro Marucci

ROMA -  Non si sa bene come è andata l’asta dei costumi del “Puff”, il cabaret di Lando Fiorini. Pochi giorni fa l’asta, pubblicizzata dal cantante romano con una piccola serie di interviste radio-televisive e sui giornali,  ha richiamato una pattuglia di estimatori di Fiorini, ma non si sa quale sia stato il ricavato della vendita dei costumi. 

ROMA - Non c’è giornalista  romano di spettacolo  che negli anni  d’oro del teatro Sistina, dove  andavano in scena i successi  inarrivabili della coppia  Garinei & Giovannini,  che non conservi  un ricordo riconoscente di Romano Camilli.  

“Come è potuto accadere che  Craxi, il socialista sempre coerente, già capo del governo più duraturo della storia repubblicana, da dieci anni  dominatore della scena politica, non solo non sia riuscito a cogliere l’occasione storica per vincere il duello e chiudere la partita a sinistra, ma addirittura abbia perso tutto, se stesso e anche il PSI?”

ROMA - Per ricordare Candida Curzi, redattrice in cronaca all’epoca del rapimento Moro, l’Ansa ha riproposto online i suoi “lanci” che confermarono la terribile verità : il presidente della Democrazia Cristiana era   stato rapito dalle Brigate Rosse dopo l’agguato di via Fani.

Sabato, 23 Novembre 2013 10:16

Miseria e nobiltà delle trattorie romane

ROMA - Nella Guida dei ristoranti d’Italia 2014 del Gambero Rosso  da qualche giorno  figura, unica a Roma, una vecchia trattoria nei pressi del Pantheon.  Un riconoscimento che distingue  il locale da tutti gli altri ristoranti acchiappa-turisti,  che a Roma sono la maggior parte, e che premia ( con i rituali Tre Gamberi)  una cucina semplice ma buona. 

ROMA - “Ma che te cori?”.  Sembra di sentirne la voce, profonda, da basso russo, affascinante come poche, quando leggi quel che Gigi Proietti ha scritto nel suo libro di ricordi.  Il libro si intitola “Tutto sommato. Qualcosa mi ricordo” e non vuole essere un’autobiografia.

Mercoledì, 06 Novembre 2013 21:11

I disturbatori televisivi: la scuola di Paolini

ROMA - In principio era soltanto  Gabriele  Paolini, il  disturbatore  delle dirette televisive.  La sua faccia stralunata è apparsa per anni  alle spalle dell’intervistato,  con lo sguardo fisso alla telecamera, tra una smorfia e l’altra.  Negli archivi della Rai  c’è  ancora la scena di un calcione che, per liberarsi della sua presenza in video. gli rifilò in diretta  il compianto Paolo Fraiese, autorevole  redattore del TG 1.  

Paolini ha fatto proseliti. C’è un giovane dai capelli rossi, Niki Giusini,  che  senza fare boccacce ma solo esibendo la sua facciotta tonda di adolescente che non fa  attività fisica e  visibilmente sovrappeso si affaccia ad ogni tg senz’altra ambizione che di farsi vedere. 

ROMA - A 40 anni dalla morte una biografia di Matilde Hochkofler  ricorda Anna Magnani. Il Festival di Roma dedicherà un omaggio alla Magnani, con la mostra "Ritratto di Anna", con la consulenza di Matilde Hochkofler. Verranno, inoltre, proiettati il quinto episodio restaurato di Siamo donne di Luchino Visconti e Nella città l'inferno di Renato Castellani. Una diva eterna come la città della quale è simbolo.

ROMA - Il primo fu  S.P.Q.R  (Senatus PopulusQue Romanus, il senato e il popolo romano) che il barbaro Bossi, quello di  “Roma ladrona”,  elegantemente tradusse  “Sono Porci Questi Romani”.  Molto più tardi. sui muri della Milano risorgimentale comparve la scritta “ W  VERDI”  che apparentemente era un omaggio degli appassionati del melodramma  all’autore de “La traviata”, in realtà , ingannando la polizia austriaca, inneggiava a V.E.R.D.I.  cioè a “Vittorio Emanuele  Re d’Italia”. 

ROMA - “Il momento più triste è quando torno a casa, la sera, e trovo il salotto al buio e soprattutto in silenzio. Non c’è più Armando che  suona,  al pianoforte”. 

Pagina 12 di 12

Cerca nel sito

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077