Sabato, 05 Luglio 2014 11:47

Casi editoriali. Intervista a Guido Mattioni, dal web alla carta stampata

Scritto da

ROMA - “Soltanto il cielo non ha confini” è il nuovo romanzo di Guido Mattioni, un giornalista di lungo corso, che nella sua seconda giovinezza si è tolto i panni del cronista per cimentarsi nella narrativa.

Una scelta risultata vincente, come attestano le quattro edizioni del suo primo romanzo “Ascoltavo le maree”, pubblicato nel 2013 da Ink, piccola casa editrice milanese diretta da Francesco Bogliari, dopo il successo ottenuto oltreoceano dalla versione elettronica del libro. Infatti, l’e-book “Whispering Tides”, autopubblicato dallo scrittore sulla piattaforma digitale Smashwords è diventato in pochi mesi un caso editoriale, unico italiano finalista al Global ebook Awards 2012 di Santa Barbara e agli Usa Best ebook Awards 2012 di Los Angeles.

Una grande soddisfazione per Mattioni classe ‘52, friulano d’origine, milanese d’adozione che nel suo primo libro d’ispirazione autobiografica aveva espresso le sue paure, i suoi dolori e aspirazioni, in un’atmosfera rarefatta tra sogno e realtà, ora invece, è alle prese con un tema di stretta attualità, che ha toccato con mano nella sua carriera d’inviato speciale per Il Giornale, sotto la direzione di Indro Montanelli. Cerchiamo di saperne di più, incontrandolo durante una sua trasferta romana.

Un libro che parla d’immigrazione clandestina, non quella che oggi tocca le sponde del Mediterraneo ma quella che da 50 anni spinge i “chicanos” messicani a varcare la “frontera” americana, oltre 3000 km di rete metallica, sorvegliata 24 ore su 24, per fare fortuna.

“Esattamente, il libro è frutto della mia esperienza giornalistica sul campo, quando nel 1986 inviato del settimanale ‘Epoca’ svolgevo reportage dal mondo. Ero negli Stati Uniti a caccia di storie, quando incontrai un funzionario del governo americano che mi suggerì di andare a El Paso (Texas) a vedere cosa succedeva. Per la prima volta sentì parlare di immigrazione clandestina, in Italia era ancora un fenomeno sconosciuto: il primo barcone Vlora, con a bordo 20 mila albanesi sarebbe arrivato soltanto nel 1991. Per settimane mi sono unito alla polizia di confine, la Border Patrol e ho visto scene e sguardi che non sono riuscito a dimenticare e mi sono portato dentro per 28 anni. Gli stessi che vedo ora sui siriani profughi, approdati sulle coste siciliane.”

Un tema questo di scottante attualità in Italia

“E’ attualissimo, una questione davvero urgente e drammatica. Il Canale di Sicilia è il Rio Grande d’Europa. Rappresentiamo l’unica via, il passaggio obbligato per raggiungere l’Europa. Come negli Stati Uniti bambini soli dal Messico, Honduras e Guatemala tentano di attraversare il confine nordamericano sotto la guida dei ‘coyotes’, così da noi, orfani di guerra siriani navigano il Mediterraneo a bordo d’imbarcazioni di fortuna, guidate da avidi scafisti.  È impossibile non commuoversi di fronte a una tale disperazione, persino per un liberale come me e mi chiedo come facciano a rimanere impassibili i tanti sedicenti cattolici nel nostro Paese. La politica dovrebbe osservare certe realtà da vicino, prima di emettere qualunque provvedimento.”

Qual è il personaggio principale del libro?

“Il vero protagonista è la ‘frontera’, il confine. I protagonisti in carne ed ossa sono due fratelli gemelli Hernando e Diego, fisicamente identici ma dai caratteri differenti, nati a Surco-en-el-suelo, un paesino agricolo immaginario situato nel Chihuahua. Tutte e due partono alla volta degli Stati Uniti, sedotti dall’American Dream, ma in tempi e circostanze diverse, all’insaputa l’uno dall’altra. E opposte saranno le strade che imboccheranno. È anche questo il senso del confine, che rappresenta il destino di due persone. L’ una influenzata dall’incontro con brave persone, l’altra da quello coi brutti ceffi. Il confine è tutto. È il margine tra due destini, due Paesi, ricchezza e povertà, sogno e realtà, il male conosciuto e il benessere auspicato. Le frontiere sono state stabilite dagli uomini, con le guerre e la sopraffazione. Il Padre Eterno, invece, non ha posto limiti fisici: è il cielo, l’unico luogo senza delimitazioni, libero, illimitato. E’ questo ideale, forse un po’ utopistico che mi ha ispirato e dal quale, appunto, il libro trae il suo nome.”

Due racconti molto diversi: uno più autobiografico e intimista, l’altro più realista, quasi un reportage, ma entrambi ambientati negli Stati Uniti. Perché?

“La risposta è molto semplice: per scrivere qualcosa di buono, bisogna parlare di ciò che si conosce bene. L’America la giro da 30anni sia per lavoro che per diletto, la conosco a fondo, così come conosco gli americani, un popolo ben più complesso di quanto crediamo noi Europei, saldamente legato al territorio d’origine. Ritengo, inoltre, che gli Stati Uniti siano uno scenario molto cinematografico, dalle innumerevoli sfaccettature e sconfinati spazi.”

Hai mai pensato di trasformare i tuoi romanzi in un film?

“È la speranza e il sogno di ogni autore, anche il mio! Questo romanzo a mio avviso si presterebbe moltissimo. Sono svariati i film ambientati in questo scenario, l’ultimo che ricordo è ‘Border Town’ diretto e interpretato da Jennifer Lopez, che racconta il dramma del femminicidio: molte donne che spariscono mentre tentano di attraversare il confine messicano, abusate e uccise lungo il tragitto.”

Anche il prossimo libro sarà ambientato in America?

“Sì lo sto già scrivendo e sarà un’altra storia americana. Un romanzo ‘on the road’ - senza alcuna presunzione di voler imitare Kerouac - e sarà dedicato alla strada, il sistema nervoso centrale degli Stati Uniti e al grande popolo nomade americano, che va dai diseredati ai pensionati di lusso, sui loro spropositati camper. Entro il 2016 uscirà una mia trilogia “americana”, secondo il lungimirante progetto del mio editore Bogliari.”

Nel congedarmi da Guido Mattioni, a Roma solo di passaggio, ricevo in omaggio una copia di Soltanto il cielo non ha confini. Divoro il libro in meno di una settimana: romantico e realista allo stesso tempo racconta con umanità e sobrietà il fenomeno dell’immigrazione irregolare, dal punto di vista soggettivo dei due profughi messicani. 

Una storia avvincente e ritmata, dove non mancano i colpi di scena e una buona dose d’ironia, nella migliore tradizione della grande letteratura americana. “Perché ciò che distingue la narrativa di qualità dall’editoria è il tempo”, afferma lo scrittore con tono sarcastico. “Hemingway lo leggevo io 50anni fa e lo legge adesso mio nipote: alcuni best seller di oggi, dopo un anno, non li ricorda più nessuno”.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La forza del ricordo

Ricordo della mia giovinezza

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]