Lunedì, 28 Novembre 2011 16:12

Guccini sbanca il Palaturismo di Iesolo. Il pubblico: "Non ci puoi lasciare"

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

IESOLO (VENEZIA) - Quattromila persone, sabato 26 novembre al Palaturismo di Jesolo, per il concerto di Francesco Guccini. Una folla davvero trasversale per età e per provenienza, il pubblico che ama Guccio, pubblico che già alle 19, ora di apertura dei cancelli, riempie lo spazio davanti al palazzetto.


Tanti, tantissimi i ragazzi, a occupare il parterre e, sulle gradinate, tutti quelli che, in questi trent’anni e oltre, hanno ascoltato, cantato e suonato i pezzi del Maestrone. C’è chi arriva da Lecco, come Anna e Giuseppe, sui cinquanta entrambi, che domani resteranno a Jesolo, a passeggiare sulla spiaggia. Luca è partito alle cinque del mattino da Salerno, non aveva trovato il biglietto per il concerto di Bologna e ha dovuto ripiegare qui.
Angelo e i suoi compagni di Padova mangiano taralli, mandaranci, panini preparati a casa nel pomeriggio, come a un picnic. Atmosfera festosa, di attesa, ma anche una sottile tristezza, perché dopo Jesolo e Bologna, sarà tutto finito. Forse. “Non ci puoi lasciare” grida un cartello.
E infatti, eccolo arrivare, alle nove e cinque minuti, con la sua massiccia persona, la camicia blu, enorme, le braccia bianche che spuntano per un terzo dalle maniche. E’ lui, è davvero lui. E parla con quel vocione inconfondibile che è tutt’uno col suo corpo. Dice Grazie e sembra scuotere le mura del palazzetto. Poi, si complimenta per questo nuovo governo, il governo tecnico, che di sicuro saprà risolvere con più efficacia  di un governo politico il problema dello sciacquone del suo bagno. Non trascura di informarci sui prezzi dei voli per Ibiza, due biglietti 150 euro con mastercard. O un anellino ricordo per la fidanzata, trovato nell’uovo di Pasqua, 56 euro, con mastercard. O ancora, un biglietto allo stadio, per una partita, 150euro, con mastercard. Vedere, però, Berlusconi che si dimette, Brunetta che non è più ministro, La Russa che non è più ministro, non ha prezzo.


Dall’ovazione che segue, parte Concerto per un’amica, con Francesco alla chitarra, che poi abbandonerà,  per riprenderla solo all’ultimo pezzo, La locomotiva. Il gruppo è rodato. C’è un affiatamento totale con i compagni di musica di una vita: Vince Tempera, Ellade Bandini, “Flaco” Biondini, e la voce di Francesco è sempre quella di quarant’anni fa."Lettera", per ricordare gli amici che non ci sono più, e poi "Il frate", "Amerigo", "Il pensionato",  "Canzone per Piero", omaggi a quelli che Francesco chiama i vinti della vita. Un’ombra di malinconia, ma Guccini è uomo di spirito. “Mi dicono, tu scrivi solo di cose tristi. D’altra parte quando uno è felice e contento, fa altre cose, no? E comunque anche la Divina Commedia è piena di sfighe”. Ricorda la volta in cui tentava di tradurre "Noi non ci saremo", a un’amica inglese, scatenando risate nella platea. Forse Augusto avrebbe saputo farlo, dice. Poi, via, con Autogrill, Farewell, Quattro Stracci, perché Guccini sa anche scrivere d’amore, che sia vissuto o solo immaginato. Su in collina, un bellissimo pezzo sulla Resistenza, e poi  Canzone dei dodici mesi e Canzone di notte n. 2.  Tra un pezzo e l’altro, Francesco racconta la sua vita, come se si fosse tutti seduti attorno a un tavolo, il bicchiere di vino in mano.
Sulle note di Eskimo, come a un silenzioso comando, tutti in piedi sul parterre e dalle gradinate si scende di corsa per stare più vicini a quell’uomo, che ancora trascina, a settant’anni passati. Bisanzio, Cyrano e Dio è morto scaldano l’aria, che diventa, poi, vapore bollente con La locomotiva.
Trionfi la giustizia proletaria, trionfi la giustizia proletaria, trionfi la giustizia proletaria, urlata al cielo, i pugni alti, come una supplica, mentre le luci si accendono un po’ alla volta, a ricordare che la serata è chiusa  e che non ci sarà un bis.
Francesco saluta, Ciao, e di nuovo tremano le pareti del Palaturismo. Tra gli applausi, scende dal palco e se ne va, senza girarsi indietro. Quasi due ore e mezza, a raccontare storie, con la musica e senza, in un dialogo intimo con un pubblico che non vuole rinunciare a lui. Che grida ancora come quel cartello “Non ci puoi lasciare”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

"Note fuori margine". Secondo episodio: "Nina e Giulio"

Le scuole sono chiuse, ma le storie non hanno confini. Le storie viaggiano anche a distanza e a volte contagiano chi le ascolta con un’emozione, una riflessione, un insegnamento.

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]