Martedì, 31 Gennaio 2012 16:19

“Tiepolo nero. Opera grafica e matrici incise”: una mostra da non perdere

Scritto da

CHIASSO -  “Tiepolo nero. Opera grafica e matrici incise”, curata da Lionello Puppi e Nicoletta Ossanna Cavadini, si inaugura al pubblico il 1 febbraio alle 18.00 al m.a.x.museo di Chiasso, e sarà visitabile fino al 5 aprile per essere poi presentata a Roma e, in seguito, a Venezia.



La possibilità di avere in mostra tutte insieme le opere dell’attività grafica di Giambattista Tiepolo e, per la prima volta, le matrici restaurate, rappresenta una grande occasione per il pubblico e gli appassionati estimatori.

All’interno del filone relativo alla “grafica storica”, il m.a.x.museo propone una prima svizzera, con l’esposizione dedicata alle incisioni di Giambattista (1696-1770) e di suo figlio Giandomenico Tiepolo (1727-1804), accompagnate dalle matrici in rame che le hanno generate.

Grazie alla sinergia fra il m.a.x. museo di Chiasso e l’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma è stato raggiunto un eccezionale obiettivo: il restauro delle matrici dei
Tiepolo e quindi la possibilità di renderle visibili al pubblico.


Conosciuto soprattutto come pittore e affreschista, Tiepolo si dedicò a più riprese all’incisione dell’acquaforte dando origine ad immagini, che per ideazione e qualità estetico-esecutiva segnano la storia della grafica moderna. I soggetti delle sue acqueforti rimangono ancora in buona parte misteriosi per i molti significati ermetici intessuti da rimandi allegorici e simbolici. Tali elementi lo legano alla cerchia del primo Settecento veneto in un momento di passaggio fra il tardo barocco e i riferimenti razionalisti dell’Illuminismo.

In mostra sono visibili, tutto il corpus delle trentacinque acqueforti di Giambattista Tiepolo, riunite nella serie dei Capricci (1733-1742 ca.) e degli Scherzi di fantasia (1743-1757) e una selezione delle stampe del figlio Giandomenico che ne continua l’attività incisoria, nonché alcuni disegni e bozzetti ad essa collegata. Accompagnano l’esposizione dodici matrici incise, poste a raffronto dell’opera a stampa; “rami” che permettono di comprendere la grande abilità esercitata a bulino e cesello dal maestro veneto. Sorprendenti, infatti, sono gli effetti luministici resi dal “libero” segno del Tiepolo. La suggestione esercitata sulla cultura del Moderno è anche documentata dalla raccolta delle incisioni La fuga in Egitto realizzata dal figlio Giandomenico, interamente presente in mostra.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]