Lunedì, 07 Febbraio 2011 14:37

Teatro Ambra. “Max Paiella Recital”, l'Italia di oggi secondo il bravo comico

Scritto da

ROMA - Uno spettacolo leggero e ironico, che prende in giro personaggi e usi dell'Italia di oggi.

Max Paiella Recital, in scena dall'1 al 6 febbraio all'Ambra TeatroAllaGarbatella, offre un campionario delle imitazioni e delle gag che stanno facendo dell'attore romano uno dei comici più apprezzati del momento.    

Lo spettacolo, in realtà, porta in scena un'attesa, quella dell'attore prima che il sipario si apra: Max Paiella entra in un teatro vuoto, di un luogo lontano e freddo. È in ansia perchè sta per debuttare con il suo recital, di fronte ad una platea di 2500 persone. L'unico interlocutore è Attilio, il pianista, che ascolta tutto e risponde solo con la musica. Il protagonista cerca una buona idea per iniziare il suo spettacolo, canticchia canzoni che dovrebbe fare in serata, ma non ricorda bene i testi e cambia le parole (accentuando involontariamente l'insulso contenuto di certe canzoni italiane).

I minuti passano, l'inizio dello spettacolo si avvicina. Sempre in cerca di una buona idea, Max prova a ricalcare gli stili dei cantautori famosi italiani, da Paolo Conte a Gigi D'Alessio, ma nulla sembra saddisfarlo. L'ansia è sempre più forte e ricorre agli ansiolitici, si addormenta e sogna Crepet, poi Maurizio Belpietro ed infine Minzolini, che presenta l'edizione delle 20 del tg1, aprendo con un grande editoriale cantato. Dopo l'esperienza onirica il protagonista si sveglia, preoccupatissimo, ricorda dei brani originali che ha scritto e sente maggior sicurezza in se stesso. Ma il tempo passa ormai mancano 5 minuti e torna l'ansia, Max non sa ancora come iniziare. Si apre il sipario, una voce annuncia: lo spettacolo ha inizio.

Lo show di Max Paiella, si potrebbe definire quasi “radiofonico” (forse risente della storica collaborazione di Paiella a “il Ruggito del coniglio”), sia, per la cornice  che tenta di raccordare le diverse imitazioni, le canzoni e le gag, sia perchè il protagonista non si rivolge al pubblico in platrea, ma immagina quello al di là del sipario e che non può vedere, proprio come un programma radio. Molto buona l'interpretazione di Max Paiella, mai sopra le righe, che riesce con una performance di grande intensità, a regalare al pubblico uno spettacolo piacevole e divertente.

AMBRA TEATROALLAGARBATELLA Di ROMA   2/6 FEBBRAIO 2011

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]