Lunedì, 28 Febbraio 2011 18:31

Annie Girardot. Addio al “più bel temperamento drammatico del dopoguerra”

Scritto da

ROMA - Nel 2008 la rete francese TF1 trasmise in seconda serata “Ainsi va la vie”, documentario di Nicolas Baulieu sulla vita di Annie Girardot  e sulla degenerazione della sua malattia, l’Alzheimer,  che la stava privando inesorabilmente della memoria,  principale strumento di lavoro per un’attrice. Il documentario mostrava prima le immagini delle riprese di un film con Gérard Depardieu (Je préfère qu’on reste amis, 2005) quando nessuno sapeva e si poteva ridere di quelli che sembravano lapsus, poi il progressivo ricorso a una suggeritrice personale. 

Il tratto che emerge con  forza è  quello del lavoro che, per un’attrice impegnata nel cinema da oltre cinquant’anni, è  condizione per vivere. Oggi, a 79 anni, all’ospedale Parigino di Lariboisiere Annie Girardot si è spenta.
Nata a Parigi nel 1931 aveva cominciato a  recitare nel 1956,  nel film Treize à table, per il quale aveva vinto il Prix Suzanne Bianchetti.  Jean Cocteau la definì «il più bel temperamento drammatico del dopoguerra». Nel 1977 era stata insignita con il César Award come miglior attrice, per la sua interpretazione nel film Docteur Françoise Gailland.  Passerà alla storia del cinema nel 1960 con Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti, nel ruolo di una prostituta sexy, passionale, imprevedibile e affascinante.  Rocco, era interpretato da Alain Delon e suo fratello maggiore Simone da Renato Salvatori, che poi divenne marito della Girardot.


Durante gli anni settanta partecipò a film come Les feux de la chandeleur, La Gifle e La Zizanie.  Grande successo di pubblico riscosse con “Morir d’amore”, ispirato alla storia vera di una professoressa trentatrenne innamoratasi, riamata, del suo allievo di sedici. Condannata a dodici mesi per circonvenzione di minorenne,  morirà suicida  in carcere.
Nel 2002 la Girardot ottenne il premio César per la migliore attrice non protagonista per il suo ruolo nel film La pianista di Michael Haneke, con il quale lavorerà ancora in Niente da nascondere nel 2005. Ultimi fuochi prima di eclissarsi nella malattia.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]