Venerdì, 27 Dicembre 2013 21:03

Teatro Quirino. “Parole incatenate”, l’oscuro che è in noi. Recensione

Scritto da

ROMA - È  la video confessione di un serial killer ad aprire la scena. Sullo schermo di un cinema abbandonato viene proiettata l’immagine di un giovane uomo, affannato e dallo sguardo perso, che racconta di aver appena strangolato una vecchietta. “Nessun rimorso, tranne quello di non averle toccato il culo”, confida l’individuo, guardando dritto la telecamera.

E a questo delitto ne seguiranno altri 18, quasi uno al mese, nel rispetto di un piano diabolico che dovrebbe avere fine con l’omicidio dell’ex moglie, Laura. Due anni di matrimonio finiti in un divorzio doloroso, con bugie e sotterfugi ai danni di Roberto, un funzionario del ministero dell’Agricoltura, che viene dipinto dalla moglie come un depravato e un violento. Un’onta che Roberto non riesce a sopportare: un risentimento covato per anni, che si trasforma nell’ossessione della vendetta.

 

 Un’ora e mezza di suspense, scandita dal gioco di società “parole incatenate”, che si pratica legando tra loro le sillabe finali dei nomi. Sbagliare potrebbe essere fatale per la vittima. Una roulette russa per Laura, l’ex moglie di Roberto, bloccata su una polverosa sedia del cinema, la cui vita è appesa alla flebile speranza di vincere al gioco, che incatenando parole in libertà, permette di ricostruire, freudianamente, significati nascosti. Eccellenti le ricostruzioni scenografiche, che trasportano lo spettatore nella desolazione di un cinema in disuso, a metà tra lo studio cinematografico e un laboratorio chirurgico.

 

Incredibile è Francesco Montanari nei panni del serial killer misogino, che incanta lo spettatore con repentini colpi di scena e cambi di umore improvvisi. Non è da meno Claudia Pandolfi, che interpreta l’ex moglie Laura, a sua insaputa, la vittima designata. Un thriller, opera del drammaturgo spagnolo Jodi Galceran, riadattato da Pino Tierno e messo in scena da Luciano Melchionna, reduce dal trionfale successo del suo pièce sperimentale “Dignità autonome di prostituzione”, sold out per tre anni di seguito. 

Consigliato agli appassionati del noir: un dramma perverso e maniacale che scandaglia il lato osceno dell’essere umano.

 

 

Teatro Quirino

Dal 26 dicembre all’8 gennaio

 

Claudia Pandolfi e Francesco Montanari

 

Parole incantenate

 

 

Un thriller di Jordi Galceran

Versione italiana di Pino Tierno

Scene Alessandro Chiti

Costumi Michela Marino

Disegno luci Camilla Piccioni

Musiche originali Stefano Fresi

Regia Luciano Melchionna

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]