Lunedì, 04 Aprile 2011 21:44

Sorelle d’Italia in concorso al festival “Visions du Réel” di Nyon. Dal 7 al 13 aprile 2011

Scritto da

ROMA - Sorelle d’Italia è il racconto di un viaggio nell’universo femminile lungo l’Italia di Berlusconi, fatto da Lorenzo Buccella e Viro Robbiani con la camera a mano.

Da Nord a Sud, dalla storica residenza del premier villa San Martino (Arcore) a villa Certosa, la reggia estiva affacciata sul mare della Sardegna. 101 donne, incontrate casualmente per strada nei centri storici di varie città raccontano chi è per loro Silvio Berlusconi. Un modo per attraversare l’immaginario di un paese dominato dalla presenza ingombrante del suo uomo più in vista. Nel bene o nel male, tra adorazioni di massa, critiche feroci, gaffe internazionali, scandali erotici, barzellette maschiliste, battaglie giudiziarie e un ampio ventaglio di proclami pubblicitari: nessuno più di lui è riuscito a unire e dividere la penisola in maniera così radicale.

Un juke-box di voci, raccolto senza alcun tipo di filtro né di pregiudiziale e innescato da una semplice domanda-passe-par-tout: Berlusconi? Ne è venuto fuori il ritratto dal basso e senza censure di un paese spaccato in due, diviso fra fazioni risolute nello screditarsi a vicenda. Ad accompagnare a livello musicale il tutto, le libere reinterpretazioni dell’inno italiano, fatte appositamente per il film, da parte di 3 musicisti: Sandro Schneebeli, Rino Scarcelli, Maurizio Forte.  

Che poi in Italia il rapporto tra Berlusconi e il mondo femminile rimanga ancora oggi argomento sensibile e delicato, lo testimoniano gli eventi che hanno segnato le riprese nell’ultima tappa del documentario. Lorenzo Buccella e Vito Robbiani sono stati fermati dai carabinieri proprio mentre giravano alcune immagini su suolo pubblico ancora a chilometri di distanza da Villa Certosa. Non soltanto un semplice e legittimo controllo d’identità, ma qualcosa di più. Dopo esser stati costretti a mostrare le immagini filmate, infatti, i due cineasti sono stati interrogati, portati al comando e trattenuti senza alcuna giustificazione per diverse ore. Un comportamento che Alexandre Curchod, l'avvocato di impressum (Federazione svizzera dei giornalisti) non ha esitato definire ingiustificato e addirittura illegale. Alla sua lettera di richiesta di scuse ufficiali, il comando dei carabinieri di Porto Rotondo non ha mai dato risposta.


Sorelle d’Italia è presente su Facebook, YouTube e Vimeo, dove è possibile scaricare il trailer (anche su Trovacinema Repubblica, Kataweb, Film Tv, Cinemaitaliano).  



Su Sorelle d’Italia è stato scritto, tra l’altro:

“Un documentario controcorrente racconta cosa pensano davvero del Cav. 101 “Sorelle d’Italia”. Serviva per catalogare le occhiate sdegnate e quelle adoranti, gli accenti che muovono dalla Brianza alla Sardegna (passando per Bologna e Napoli), i ragionamenti orecchiati e le originali alzate d’ingegno”.
(Mariarosa Mancuso, Il Foglio, prima pagina, 28 gennaio 2011)

"In un montaggio rapido, coerente con la grammatica dell'obiettività, ci viene mostrata un'opinione divisa. Berlusconi è un sant'uomo. Berlusconi è un puttaniere... "Sorelle d'Italia" lo racconta con atroce eleganza"
(Lidia Ravera, L'Unità, 20 gennaio 2011)


“Gli autori dimostrano l’intelligenza necessaria a mostrare il disagio di una buona metà della popolazione, mettendola a confronto con l’altra porzione di società”.
(Roy Menarini, Corriere della Sera / Bologna, 30 gennaio 2011)


“Il documentario sull’odio-amore delle donne per il Cavaliere. La mappatura che emerge da “Sorelle d’Italia” è complessa e offre uno spaccato sociologico interessante”.
(Eleonora Bianchini, Il Fatto Quotidiano, 5 febbraio 2011)

“Ci sono due svizzeri che il mondo c’invidia. Hanno fatto un documentario solo su di lui, facendo parlare le donne d’Italia”.
(Piero Chiambretti, Chiambretti Night, Canale 5, 5 febbraio)    

“Dall’intuizione che la parola Berlusconi fa da reagente chimico immediato nell’acquario italiano, Lorenzo Buccella e Vito Robbiani sono partiti per un viaggio nel Belpaese. Giudizi sferzanti e parole benevole, il gentil sesso si divide sul premier offrendo anche un autoritratto muliebre della nazione”.  
(Tommaso Ricci, TG2, edizione 20.30, 29 gennaio 2011)


“Dopo 79 minuti di interviste, è come una vertigine: Silvio Berlusconi non è più un uomo, ma una categoria dello spirito, un’entità che manda in risonanza emozioni, sei con Lui o sei contro di Lui, lo ami alla follia o lo detesti”.
(Claudia Arletti, Il Venerdì di Repubblica, 25 febbraio 2011)

 

Nyon. Sorelle d’Italia,  documentario di Lorenzo Buccella e Vito Robbiani, approda in prima visione svizzera  nella sezione "Compétition helvétique" del festival “Visions du réel” a Nyon.


Due le proiezioni in programma:
Nyon, lunedì 11 aprile 2011, ore 22.30, Capitole 1 Leone
Nyon, martedì 12 aprile 2011, ore 22.30, L’Usine à Gaz

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]