Venerdì, 26 Settembre 2014 16:37

Perez. Noir psicologico con eccellente Zingaretti. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA“Perez”, il noir italiano del campano Edoardo De Angelis, è ambientato al Centro direzionale di Napoli, area commerciale a ridosso di Poggioreale, sede del tribunale, banche e multinazionali. Un non luogo, realizzato nel ’95 dall’architetto giapponese Tenzo Kange, promessa per Napoli di uno sviluppo mai nato, alla pari del protagonista - Demetrio Perez – un avvocato penalista, dalle grandi speranze, ma nessun risultato, a causa di una cronica mancanza di “attributi” e uno stato di perenne abulia.

Nei panni dell’uomo di legge, ancora una volta Luca Zingaretti, in un ruolo complesso e lontano dallo stereotipo del commissario, molto caro agli italiani: un uomo solo, che ha perso tutto tranne la figlia Tea, coinvolta in una relazione sentimentale a rischio, con un camorrista.  

Un legale d’ufficio, specializzato in casi disperati, dove non è richiesto di dibattere, ma solo di “tacere e firmare”. Coscienza critica di Perez è il suo amico avvocato Merolla, che tenta maldestramente di scuoterlo dal silenzio e dall’apatia, con metodi non convenzionali, malgrado viva egli stesso il dramma della morte prematura di un figlio.

A scuotere emotivamente Perez saranno due eventi cruciali: l’assegnazione del caso del pentito Buglione e la festa di compleanno della figlia. L’incontro con Buglione, esponente di spicco di un noto clan criminale, consentirà all’avvocato un “salto di qualità” dal punto di vista lavorativo, e non solo. Saranno più di una le opportunità da cogliere e le scelte da compiere. La festa dei 20 anni di Tea, invece, risveglierà l’orgoglio ferito di un padre, contrario al fidanzamento della figlia con il pregiudicato Francesco Cosentino. Due fatti concatenati che desteranno Perez dalla passività e lo sproneranno ad assumersi nuovamente le sue responsabilità di uomo e di padre, anche a dispetto delle convenzioni sociali.

La storia di “Perez” esula dai confini specifici del genere noir per abbracciare anche quelli del film psicologico: si analizza il dramma di un uomo, vinto dagli eventi e dalle sventure, rinascere per “salvare” la propria figlia, anche a prezzo di infrangere “la legge”, di cui dovrebbe esserne il garante. 

Dal punto di vista tecnico, predominano le “riprese morbide” con una messa a fuoco, graduale, sintomatica della confusione mentale del protagonista, spesso insonne; in uso anche i grandi movimenti di macchina, per ottenere una linguaggio ad hoc, con riprese “né troppo pulite né troppo sporche”, precisa il regista alla stampa. 

Oltre a un eccellente Zingaretti, si notano le performance di Francesco D’Amore (Corvino), diventato famoso per la sua interpretazione nella serie “Gomorra” e di Massimiliano Gallo (Buglione). 

“Perez” convince ed esalta il pubblico, non solo italiano, ma anche d’oltreoceano: è prevista anche una versione per gli Stati Uniti. Applausi a De Angelis e alla rinascita del cinema italiano!

Perez

di Edoardo De Angelis (94’), al cinema dal 2 ottobre

con Luca Zingaretti, Marco D'Amore, Simona Tabasco, Gianpaolo Fabrizio, Massimiliano Gallo

Perez - trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La marea e l'amore

Il mio amore è come il mare immenso… 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]