Domenica, 19 Luglio 2015 00:04

Globe theatre. “Re Lear”, con cast di attori eccezionali. Recensione

Scritto da

ROMA - La potenza tragica di Re Lear di Shakespeare è tutta lì, nella prima scena, sintesi della sua essenza drammaturgica: lo scontro tra il potere, l’avidità, la vanità con la sincerità, la purezza e l’amore.

E, com’è consuetudine, saranno i “buoni sentimenti”, incarnati dalla leggiadra Cornelia, la figlia minore a essere sacrificati sull’altare del male e della scaltrezza, per opera delle figlie maggiori Goneril e Regan. La sincerità di Cornelia è considerata un’onta, un colpo alla vanità di “Lear, sovrano e padre vanaglorioso”, che accecato dalla superbia, misura il bene della prole sulla quantità di parole adulatorie. E mentre, alle due avide figlie, dalle grandi capacità affabulatorie va tutto il regno equamente diviso, alla minore, colpevole di mera onestà, solo disprezzo e nulla in eredità.  

Sin dall’inizio è evidente la smisurata presenza scenica del maestro Graziano Piazza, che al Globe Theatre ipnotizza la platea con la sua regale veemenza. Ineguagliabile la sua capacità di alternare con nonchalance stati d’animo diametralmente opposti, espressione della conflittualità interiore di Lear: dall’impetuosità, alla pazzia, fino all'inerzia.  Non da meno, sono, però, i giovani, su cui punta il regista Daniele Salvo. Altrettanto pregevole è Marcella Favilla, scuola del “Piccolo”, nei panni della primogenita Goneril, figlia degenere e moglie dispotica, che tiranneggia il marito il Duca di Albany e il vecchio padre Lear, senza remore né rispetto. Un ruolo che calza alla perfezione alla giunonica Marcella, che con un tono possente e altisonante, impressiona il pubblico, tra schiaffi, flirt e baci saffici. Bravo è anche Simone Ciampi, alias il duca di Albany, nel fare da contraltare all’impetuosità di Goneril, con la pacatezza e la nobiltà d’animo di un vero cavaliere. 

Una sotto-trama s’ intreccia con la principale, quella di Re Lear, la storia di Edmund, figlio illegittimo di Gloucester, che mosso da avidità e senso di rivalsa, incastrerà sia il padre che il fratello legittimo Edgar: bramoso di potere, ne sarà a sua volta vittima. L’abilità drammaturgica di Shakespeare si manifesta proprio nel riuscire a sviluppare più storie e farle convergere in una sola, con levità e sagacia, senza alterare il messaggio sotteso: gli effetti del potere, croce e delizia degli esseri umani. Merito del regista, Daniele Salvo, è di non averne intaccato “la purezza”, seppur attualizzando il linguaggio e vivacizzando la dialettica, con alcuni riferimenti, anche, alla società odierna.  Gloucester, come Lear, è un altro padre incapace di capire i reali sentimenti dei propri figli: lo interpreta Francesco Biscione, altro valido professionista, avvezzo alle tragedie. Degno di nota per l’energia dirompente, anche l’emergente Pasquale di Filippo, nel doppio ruolo del figlio legittimo Edgar e del finto pazzo “Tom il mendicante”: personaggio chiave nel finale, alla resa dei conti, per far emergere la verità.

Un cast di attori eccezionali, coadiuvato da musica live e un pubblico appassionato, che ha sfidato il caldo torrido per assistere a una messinscena senza eguali. Dal primo minuto, si respira a fondo l’atmosfera tragica, si sente il peso dell’ingiustizia, si patisce e si ride, sino al drammatico finale: metafora della cecità umana, avida e miope, in una parabola catartica liberatoria.

“Liberiamoci dall’ossessione del potere e apriamoci ai sentimenti autentici”: questo sembra volerci suggerire il Bardo.

Re Lear, dal 16 luglio al 2 agosto, ore 21.15 al Globe Theatre

regia di Daniele Salvo

Ivan Alovisio

Francesco Biscione

Marco Bonadei

Mimosa Campironi

Simone Ciampi

Clio cipolletta

Elio D’ Alessandro

Pasquale Di Filippo

Marcella Favilla

Alessio Genchi

Francesca Mària

Selene Gandini

Graziano Piazza

Silvia Pietta

Tommaso Ramenghi

Giuliano Scarpinato

Francesco Brunori, Ruggero Cecchi, Nicola De Santis, Giuseppe de Siato, Piero Grant, Rocco Maria Franco, Francesco Silella

edmund

gloucester

il duca di cornovaglia

cordelia

duca di albany

primo cavaliere – un servo

conte di kent

edgar

goneril

re di francia – medico

capitano – cavaliere

fool

king  lear

egan

duca di borgogna  – curan

oswald

figuranti

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Amanti sospesi nel tempo

Sei entrato nella stanza  uno sconosciuto  come io sconosciuta per te. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Damar

(A Stefano. Il ricordo è un piccolo granello che riempie lo spazio dell'assenza)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’Italia e gli italiani nel cinema albanese

Il cinema albanese è stato il protagonista di questa primavera romana appena conclusa. Dopo aver conquistato la vittoria alla decima edizione del Francofilm – il Festival del cinema francofono organizzato...

Romano Milani - avatar Romano Milani

ITC Farma punta sui giovani: coltivare oggi i talenti di domani

La sinergia tra accademia e impresa è un passo necessario per la crescita del Paese

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]