Mercoledì, 26 Agosto 2020 10:15

“Il primo anno”: denuncia la selezione spietata a medicina e fa riflettere in tempi di pandemia

Scritto da

In uscita il 2 settembre nelle sale italiane, “Il primo anno” documenta a Parigi, ma vale per molte zone, la situazione odierna degli universitari che aspirano a studiare medicina, vittime di un’organizzazione finalizzata a eliminare tout court e discutibilmente chi appare più debole.

Il film nasce dalle esperienze personali del regista che in gioventù aveva intrapreso questi studi senza smettere di coltivare la passione per il cinema: Thomas Lilti è infatti al suo terzo lavoro sul tema - si ricordi in precedenza “Ippocrate”“Il medico di campagna” - e riesce sempre a coinvolgere lo spettatore grazie ad un appassionante stile narrativo.

Racconta di Benjamin (William Lebghil) e Antoine (Vincent Lacoste), che frequentano il difficilissimo corso che permetterà di accedere a medicina, facoltà a numero chiuso che accoglie ogni anno solo 300 nuovi dottori. I due simpatizzano e diventano amici. Benjamin è figlio lui stesso di un medico e ha scelto questa strada per accontentare il padre, per Antoine invece la professione è una ragione di vita, tanto che sta tentando per la terza volta l’esame di ammissione. I due decidono di studiare insieme perché aiutarsi sembra loro l’unica soluzione per superare la durissima selezione. La prova richiederà grande saldezza di nervi e c’è chi ne resta sopraffatto. 

Dalla difficoltà di avere un posto alle lezioni, ai questionari con domande trabocchetto, alla ressa per capire se si è entrati in classifica, il regista ci racconta i meccanismi che tendono letteralmente a stritolare la maggior parte degli studenti senza distinguere chi ha la stoffa per la professione e chi invece ha soprattutto una buona memoria. Il film di Thomas Lilti fa riflettere, soprattutto in tempi di pandemia: è insieme una storia di amicizia e di denuncia di un sistema competitivo e disumano, invalso soprattutto negli ultimi anni, dove i giovani sono numeri. In una professione che richiede qualità non solo tecniche dimostra come la scelta dei suoi adepti sia invece affidata al caso e alla fortuna. 

Il primo anno

Regia: Thomas Lilti

Con: Vincent Lacoste, William Lebghil, Michel Lerousseau

Genere: Drammatico

Durata: 92 min

Nazionalità: Francia

Distribuzione: Movies Inspired

Uscita: 2 settembre 2020

 
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]