Giovedì, 09 Dicembre 2010 12:50

Teatro Cometa. “Il sogno di una vita”, emozionante piéce sull’esperienza della perdita

Scritto da

ROMA - E’ finita la stagione della spensieratezza quando Manuel, Simone Yuri e Renzo si rincontrano. L’occasione è triste.

Manuel è gravemente ammalato e i quattro amici saranno obbligati ad affrontare una realtà che nessuno di loro aveva mai immaginato. E’ questo lo spunto da cui parte il regista Alessandro Prete per raccontare “Il sogno di una vita”, una emozionante pièce teatrale, che alterna momenti di comicità a momenti drammatici. Sul palcoscenico attori bravissimi ad interpretare quel passaggio inevitabile che dall’adulta fanciullezza rende uomini.


I quattro amici sono come fratelli: si conoscono dall’infanzia perché sono cresciuti nello stesso orfanotrofio. Ognuno però ha preso una strada diversa seguendo i propri interessi e inclinazioni. Manuel è diventato uno scrittore affermato; Simone è un cinico avvocato di successo; Yuri è un sindacalista in crisi con sé stesso; Renzo è un prete missionario e ha trascorso parte della sua vita nei paesi del terzo mondo ad aiutare i più bisognosi. Sono ormai tutti trentenni e al capezzale di Manuel, colpito da una malattia incurabile, mettono a nudo le proprie insicurezze per trarne poi la forza per affrontare non “Il sogno di una vita”, ma la vita stessa. La malattia di Manuel, improvvisa e inaspettata, è il perno su cui ruotano le sensibilità, più o meno nascoste, di tutti. Il ricordo dell’infanzia, di quando insieme sognavano la vita,  li torna a unire nella vicenda drammatica. Nella stanza dell’ospedale dove il giovane scrittore è degente si alternano risate, battute, diverbi, abbracci, scherzi e complicità. Manuel diventa consapevole della sua sorte e toccante è il saluto che i tre amici gli porgono. Simone colto dall’emozione non sarà in grado di terminare la canzone che Manuel gli aveva chiesto di cantare per lui. Yuri in una conversazione notturna si aprirà in intimità con l’amico e metterà a fuoco i suoi obiettivi per superare la crisi in cui si è imbattuto. Renzo, da sacerdote, lo conforterà sul destino che lo attende.

Quando un amico va via, se lo è stato davvero, va via nella forma, mai nella sostanza sembra dirci con “Il sogno di una vita” Alessandro Prete, autore e regista della pièce teatrale. Il testo è scritto con semplicità e tocca, facendole vibrare, le emozioni del pubblico.

“Il sogno di una vita” di Alessandro Prete.
Manuel                  Alessandro Prete
Simone                  Josafat Vagni
Yuri                      Jesus Emiliano Coltorti/Marco Usai
Renzo                   Giuseppe Sanfelice
Regia                    Alessandro Prete
Aiuto Regia          Gianni Corsi, Marco Usai
Scenografia e Costumi    Valentina Troisio
Disegno Luci                   Marco Laudando

In scena dal 7 al 19 dicembre 2010 al Teatro Cometa Off, via Luca della Robbia n. 47
Spettacolo dal martedì al sabato h. 21.00, domenica h. 18.00
Costo biglietto:intero Euro 17.50+2,50 tessera teatro; Ridotto Euro 12.50+2,50 tessera teatro
Sito internet

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]