Giovedì, 15 Giugno 2017 13:40

Stefan Zweig. “Tramonto di un cuore”. Recensione

Scritto da

“Non è detto che il destino, per distruggere il cuore umano, debba menare un colpo brutale e usare tutta la sua violenza; da futili motivi anzi esso trae la sua indomabile gioia creatrice. Nel nostro linguaggio umano questo primo lieve tocco lo chiamiamo causa, e stupiti confrontiamo la sua piccola misura con gli effetti straordinari di potenza”. Lo scrive Stefan Zweig all’inizio di “Tramonto di un cuore”, guidandoci a scoprire come da una minuzia possa nascere lo stravolgimento di una vita intera

Il racconto narra del vecchio Salomonsohn, un ricco austriaco in villeggiatura, con la moglie e la figlia diciannovenne, sul lago di Garda, nella località tipicamente mitteleuropea di Gardone. La sua esistenza è in apparenza serena, il soggiorno godibile, finché una notte scopre l’amata sua “bambina” uscire furtiva dalla stanza di uno sconosciuto. Sgomento intuisce che la ragazza è in un’età in cui si appresta a spiccare il volo, in cui altri uomini possono possederla e, ciò che più lo fa disperare, è che lei possa lasciarsi andare a piaceri che trova disonorevoli. Da quel momento il suo cuore entrerà in un tumulto di emozioni conflittuali: geloso come un amante, gettato in uno stato d’inferiorità come chi sente di aver perso ormai il vigore della giovinezza; sospettoso della ragazza e della stessa moglie; odiando chi “attenta” alle sue donne, il vecchio Salomonsohn subisce una metamorfosi che cambia il suo destino.

Il breve e godibile racconto di Stefan Zweig è un’avventurosa discesa nei gironi della psiche umana, responsabile dell’indirizzo che diamo al nostro passaggio. Il libro suggerisce che conoscere per tempo i meandri oscuri del cuore è una difesa, che evita di perdere la capacità di amare, unica a preservarci vivi e felici.

Stefan Zweig

Tramonto di un cuore

Traduttore: B. Burgio Ahrens

Editore: Garzanti 

Collana: I grandi libri. Novecento

Formato: Tascabile

Pagine: 54 p., Brossura

Euro 7

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077