Lunedì, 18 Settembre 2017 18:53

“La vegetariana”. Man Booker Prize per stomaci forti. Recensione

Scritto da

“La vegetariana”,  romanzo che è valso alla  scrittrice sudcoreana Han Khang il Man Booker International Prize 2016, racconta della giovane Yeong-hye andata moglie a un uomo che la scelse per la sua ordinarietà e che non si capacita quando lei gli annuncia, all’improvviso, la decisione di non mangiare più carne. Anzi, di non mangiare per niente, in una tortura autoinflitta che, con il passare del tempo, si manifesta quale variante del suicidio.

Yeong-hye è tanto più ferma nella sua presa di posizione, quanto più questa viene contrastata dall’ambiente che la circonda. La sua scelta è avvolta nel mistero: dice di aver fatto un sogno, ma quale sia e quali le sue motivazioni non lo svelerà mai. A un certo punto il romanzo lascia intuire che la donna si indentifica col mondo vegetale e vorrebbe diventare una pianta, tanto da essere irretita in un rapporto sessuale da un parente che le dipinge il corpo di fiori.  Ragioni non esaustive del suo rifiuto della vita trapelano da immagini di un’infanzia di vessazioni, dal rapporto con un padre violento …

Sebbene non esaudisca gli interrogativi che suscita, il breve romanzo di Han Khang riesce a tenere avvinti, grazie alla purezza della scrittura e all’ allotropia di capitoli in cui la protagonista è raccontata con gli occhi di personaggi diversi. Particolarità che rende lo stile associabile alla perfezione e alla rarità del diamante, del quale possiede però punte capaci di quel vivi-sezionamento che può impressionare. Per lettori con stomaci forti

Han Kang

La vegetariana

Adelphi edizioni

Traduzione di Milena Zemira Ciccimarra
 Temi: Letteratura coreana

Pag.  177

Cartaceo Euro 18 

Ebook 9,99

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]