Lunedì, 13 Ottobre 2014 09:25

“Songs of innocence”, l’ultimo U2

Scritto da

E’ uscito il nuovo album dello storico gruppo irlandese dopo l’anteprima mondiale da Fabio Fazio

“Dopo la morte di mio padre la mia voce 

è migliorata….”

(Paul Hewson-Bono)

L’anteprima mondiale in Italia da Fabio Fazio

E’ stato un momento di grande musica, di profonde emozioni il minishow di Bono e The Edge, rispettivamente cantante e chitarrista degli U2. I due musicisti hanno suonato in anteprima mondiale due brani del nuovo album “Songs of innocence” che è stato pubblicato lunedì 13 ottobre. L’attesa era molto forte, l’atmosfera dello studio Rai di Fabio Fazio era rarefatta. Tutti aspettavano l’ingresso dei due componenti degli U2, la storica band irlandese il cui primo album risale al 1980. In 34 anni di carriera la rock band irlandese ha venduto circa 180 milioni di copie in tutto il mondo e vinto ben 22 Premi Awards. Poco prima delle 21 sono entrati in sala Paul Hewson, in arte Bono, 54 anni e David Evans, in arte The Edge, 53 anni, come se fossero due ospiti comuni. Dopo una breve ma interessante intervista The Edge ha imbracciato una chitarra acustica e con Bono ha proposto “The Miracle” e “Evey Breaking Wave”, due canzoni del nuovo e attesissimo album “Songs of innocence”.

Con questo disco gli U2 hanno voluto fare un viaggio a ritroso per “riscoprire” le origini stilistiche e concettuali della band, quando poco più che adolescenti nel 1976, decisero di intraprendere la carriera musicale che si concretizzò il 20 ottobre del 1980 con la pubblicazione del primo album “Boy”.

I due membri degli U2 hanno suonato dal vivo i brani con una grande intensità emotiva: nella seconda canzone (Every Breaking Wave”) The Edge ha accompagnato al pianoforte Bono, in una performance di profondo coinvolgimento in cui il cantante ha dimostrato le sue straordinarie qualità di interprete grazie ad una voce potente usata come se fosse uno strumento solista.

“Songs of innocence”, il nuovo album

Nell’intervista con Fabio Fazio Bono ha specificato quali sono state le ragioni che hanno portato alla realizzazione del nuovo album. Il cantante e leader del gruppo ha ricordato gli anni ’70, la violenza politica in Irlanda, che all’epoca era sull’orlo di una vera e propria guerra civile. Quelle forti tensioni unite alla grande novità del punk-rock e della new wave (nella seconda metà di quel decennio), furono la molla ideale che portò alla nascita degli U2 attraverso la stretta collaborazione di quattro amici: Bono alla voce, The Edge alla chitarra, Adam Clayton al basso e Larry Mullen alla batteria. A differenza dei lavori precedenti, nel nuovo album, la band irlandese è tornata deliberatamente alle origini (ma con l’esperienza ultra trentennale alle spalle), con un suono semplice, con meno strumenti elettronici e con un suono più essenziale.

Nella semplicità delle composizioni, i quattro musicisti hanno messo in primo paino le emozioni e il feeling al posto della tecnica. Il giudizio finale spetta come sempre al pubblico.

Testa della canzone  “Every Breaking waves

Ogni onda che si infrange sulla riva

dice all’altra che ce ne sarà un altra dopo

Ogni giocatore (d’azzardo) sa

che perdere è il motivo per cui è là

Da qualche altra parte, con coraggio

adesso sto dando una risposta al telefono

Come una foglia silenziosa

nel vento,

l’inverno non la lascerò sola

Ehi adesso

Ehi adesso

Non so se ora sono così forte

non so se ora sono così forte,

non so se sarò così forte

per essere qualcuno

che ha bisogno di qualcun altro

Ogni marinaio sa che il mare

è come un amico diventato un nemico

ogni anima naufragata

sa cosa vuol dire vivere senza intimità

io ho creduto di aver sentito la voce del signore

non è facile sentirla mentre stai pregando

Come ogni onda che si infrange sulla riva

era lontana ma alla mia portata

Ehi adesso

Ehi adesso

Non so se ora sono così forte

non so se ora sono così forte,

non so se sarò così forte

per essere qualcuno

che ha bisogno di qualcun altro

Le onde sanno che siamo sulle rocce

naufragare non è un peccato

Tu sai che il mio cuore

è lo stesso posto in cui è stato il tuo

Noi conosciamo

la paura di vincere

perciò finiamo prima di iniziare

Le onde sanno che siamo sulle rocce

naufragare non è un peccato

Tu sai che il mio cuore

è lo stesso posto in cui è stato il tuo

Noi conosciamo

la paura di vincere

perciò finiamo prima di iniziare

 

 

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teat…

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teatro Vittoria di Roma

Il patatrac è fatto! Il dissenso per la decisione di chiudere cinema e teatri è stato espresso, in questi giorni, da tante voci della cultura di grande risonanza e da...

Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria - avatar Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Grazie alle competenze dei ricercatori, e soprattutto alla multidisciplinarietà del gruppo di ricerca diretto dal Nefrologo, Dr Renzo Bonofiglio, in questi anni presso il Centro di Ricerca, collocato all’interno della...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]