Martedì, 28 Agosto 2012 16:41

Crisi. Cambia il mercato dei sexy shop. L'on line spopola

Scritto da

ROMA - Anche i sexy shop risentono della crisi economica. Troppe spese e poche entrate: i negozi stanno abbassando le serrande. Al loro posto sta crescendo un nuovo agguerrito concorrente: il sexy shop on line. Sono la nuova frontiera  del franchising e si candidano a diventare i nuovi mammut del web.  

"I sexy shop su strada stanno chiudendo – spiega Assosex, l’Associazione a tutela dei diritti e libertà individuali – e non è solo a causa della crisi. Prima avevano senso perché vendevano videocassette o dvd porno, ora chi vuole vedersi un film lo scarica da Internet.   O lo compra on line."

Nel Lazio a farla da padrona è la Faronet Srl (69 Shop per gli appassionati) in campo dal 1999, nell’ultimo anno ha incrementato il suo fatturato del 30 %”. ”L’anno scorso abbiamo aperto una catena di sexy shop su strada –spiega Roberto Campisi, amministratore delegato della società - ma l’abbiamo subito chiusa perché non andava incontro alle nostre aspettative; abbiamo deciso di puntare tutto sull’on line”.  Scelta quanto mai azzeccata: ad oggi la Faronet conta oltre 200 affiliati; 5 mila ordini nell’ultimo anno per quasi 40 mila clienti. Come funziona? Chi apre un sexy shop on line non ha nessun costo iniziale, la società madre mette a disposizione il sito e il magazzino con la merce. L’affiliato guadagna il 30% sul prezzo al pubblico, l’azienda il 20%. Molti decidono di mettersi in proprio. È il caso di Andrea Zerbini, imprenditore romano che si è buttato nel mondo dei sexy shop on line (orgasmosexyshop.it): “Ho pagato 10 mila euro alla Sv Service che mi ha realizzato un sito web e mi ha fatto una campagna pubblicitaria basica; adesso gestisco la mia azienda in modo autonomo” spiega.  Hai mai pensato di aprire un sexy shop su strada? “Non ci penso proprio! –risponde deciso: – Non pago affitto, né personale e guadagno 3 mila euro al mese”. Il successo di questi negozi virtuali è dovuto a più fattori: i prezzi sono inferiori del 30-40% rispetto a un negozio su strada, non c’è il rischio di essere “visti” e la merce arriva entro 24 ore con pacco anonimo. L’oggetto più venduto? Anche nel web si va sul classico: il Dildo è un evergreen.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]