Sabato, 20 Aprile 2019 17:51

Il ritorno dell'esule

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Quelle terre così lontane

al di là del mare.

Quel suolo natio

dove l’anima mia vola

come l’ape di fiore in fiore.

Lasciai macerie, una guerra

dei sassi un canto selvaggio.

Terra scossa inchiodata

da un coperchio di bara.

Portasti collari e catene

lasciasti insepolto colui

rimasto poi ignoto.

Ora che il piede tocca

la terra sacra degli avi

sento che risplende ancora.

Mormorano i torrenti

le piante sussurrano

il loro canto placa i pensieri.

Come l’amante trova la sua amata

io verso lacrime di gioia

per questa patria ritrovata.

Terra mia che il tuo abbraccio

sciolga il dolore della solitudine

e il meriggio perda la sua afa

il tuono la sua voce e il mare

ondeggi come un campo di grano.

Si depone ogni corazza i pensieri

di guerra si disperdono.

Scacciato da dove vissi

faccio ritorno con un piccolo

fardello di sogni che la pietà

mi ha dato per il mio cammino.

Mirella Narducci

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]