Lunedì, 10 Febbraio 2020 09:02

Nell'anno del Signore

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Roma di secoli fa

bella e ruffiana

dove le donne

con occhi assassini

affacciate alle finestre

curiose e ciarliere

si davano del tu

con le ciociare.

Le s’ore Lelle

e le s’ore Cecilie

quasi rovesciate

in su la strada

cantavano sonetti

arguti e assai pepati.

Viva la Roma papale...

dove se magna

e se beve e non se paga

che a sbornia passata.

Nessuno s’azzarda

a dir la verità sfacciata...

al papa-re che dominava.

Ha perduto la sacralità

con gli sconci e blasfemi

linguaggi della plebe romana

stufa e libertina.

Un’ inferno visionario

dove sprofonnano

fatti di gola e di sesso...

Er bullo passeggia

col coltello arrotato

e il rosario in saccoccia.

Tempi bui...

dove una statua parla

con epigrammi e motti sagaci.

Mirella  Narducci

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]