Martedì, 23 Febbraio 2016 11:45

Con le tasse europee gli italiani risparmierebbero 34 miliardi

Scritto da

Con una tassazione a livello europeo, ciascun italiano risparmierebbe 557 euro all’anno

VENBEZIA - A questo risultato è giunto l’Ufficio studi della CGIA che, prendendo spunto dalla proposta italiana di istituire a livello europeo un Superministro delle Finanze, dovrebbe, almeno in linea teorica, armonizzare anche i sistemi fiscali dei 19 Paesi che utilizzano la moneta unica. 

Eseguendo un esercizio puramente scolastico, la CGIA ha ipotizzato quanto segue: se agli italiani fosse applicato lo stesso carico fiscale che grava attualmente tra i paesi che utilizzano l’euro, i vantaggi per le tasche di tutti noi sarebbero molto evidenti. “Per pagare meno tasse - dichiara il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo - è necessario che il Governo agisca sul fronte della razionalizzazione della spesa pubblica, tagliando sprechi, sperperi e inefficienze della macchina pubblica. Quanto è stato fatto in questi anni va nella direzione giusta, ma è ancora insufficiente. Inoltre, questa operazione dovrà essere realizzata in fretta, visto che entro la fine di quest’anno bisognerà sterilizzare l’ennesima clausola di salvaguardia di 15 miliardi, altrimenti dal 1° gennaio 2017 scatterà con un sensibile aumento delle aliquote Iva”. 

Nell’eurozona, la pressione fiscale più elevata si riscontra in Francia. A Parigi, il peso complessivo di imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali è pari al 48,1 per cento del Pil. Seguono il Belgio, con il 47,3 per cento, la Finlandia, con il 43,9 per cento, l’Austria e, al quinto posto, l’Italia. Nel 2014 (ultimo anno in cui è possibile effettuare la comparazione) la pressione fiscale nel nostro Paese si è attestata al 43,6 per cento del Pil. La media dei 19 che utilizzano la moneta unica, invece,  si è stabilizzata al 41,5 per cento; 2,1 punti in meno che da noi.

“La cosa che ci preoccupa di più – segnala il Segretario Renato Mason – è che dalla lettura di questi dati emerge una forte correlazione tra il livello di centralismo e la pressione tributaria. Vale a dire che la quantità di imposte, tasse e tributi che i contribuenti versano in percentuale del Pil è direttamente proporzionale al grado di centralismo fiscale”. 

Nella comparazione, l’Ufficio studi della CGIA ha calcolato anche i maggiori o minori versamenti che, a livello pro capite, “scontiamo” rispetto a quanto si verifica altrove. Ebbene, se la tassazione nel nostro Paese fosse in linea con la media europea, come sostenuto più sopra ogni italiano avrebbe risparmiato 557 euro nel 2014  .  Effettuando il confronto con la Germania, invece, si evince che paghiamo mediamente 1.141 euro all’anno in più rispetto ai tedeschi. Analogamente, versiamo 1.593 euro in più rispetto agli olandesi, 1.779 euro in più dei portoghesi, 2.389 euro in più degli spagnoli e ben 3.531 euro in più rispetto agli irlandesi.

Solo i cugini transalpini (+ 1.195 euro), i belgi (+982 euro) e i finlandesi (+80 euro), sono chiamati ad effettuare uno sforzo fiscale superiore al nostro.  

PRESSIONE FISCALE DELL’ITALIA A CONFRONTO CON QUELLA DEI PAESI DELL’AREA EURO

Nazione

2014

2014

 

Pressione fiscale
% PIL

Maggiori (+) o Minori (-) versamenti con la pressione fiscale degli altri Paesi
importo in €

con Bonus Renzi

     

Pressione fiscale
% PIL

Maggiori (+) o Minori (-) versamenti con la pressione fiscale degli altri Paesi
importo in €

Francia

48,1

+1.195

48,1

+1.327

Belgio

47,3

+982

47,3

+1.115

Finlandia

43,9

+80

43,9

+212

Italia 

43,6

+0

43,1

+0

Austria

43,6

+0

43,6

+133

Lussemburgo

39,4

-1.115

39,4

-982

Germania 

39,3

-1.141

39,3

-1.009

Grecia 

38,9

-1.248

38,9

-1.115

Paesi Bassi

37,6

-1.593

37,6

-1.460

Portogallo

36,9

-1.779

36,9

-1.646

Slovenia

36,8

-1.805

36,8

-1.672

Malta 

35,6

-2.124

35,6

-1.991

Spagna

34,6

-2.389

34,6

-2.256

Cipro 

34,1

-2.522

34,1

-2.389

Estonia 

32,3

-3.000

32,3

-2.867

Slovacchia

31,0

-3.345

31,0

-3.212

Irlanda

30,3

-3.531

30,3

-3.398

Lettonia

28,8

-3.929

28,8

-3.796

Lituania

27,7

-4.221

27,7

-4.088

Unione Europea

40,0

-956

40,0

-823

Euro Area

41,5

-557

41,5

-425

Elaborazione Ufficio Studi CGIA

I dati sono elaborati dai rispettivi uffici statistici con metodologia SEC2010

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]