Sabato, 11 Marzo 2017 23:34

Salvini a Napoli: esplode la rabbia dei centri sociali

Scritto da

NAPOLI - "Il ministro Minniti, insieme a Matteo Salvini, con le sue forzature e la costruzione autoritaria di una zona rossa militarizzata nella Mostra d'Oltremare, contro il volere dell'ente stesso, porta grande responsabilita' politica della rabbia sociale di oggi".

Lo scrivono in una nota i comitati e centri sociali aderenti al Coordinamento "Mai con Salvini", organizzatore del corteo concluso da scontri per i quali lamentano 6 manifestanti contusi. "Poi le cariche indiscriminate che hanno inseguito un corteo di migliaia di persone per chilometri! Liberta' per i fermati!", si legge ancora. "Un fiume di persone, fin ad arrivare quasi a diecimila nelle strade di Fuorigrotta - sostengono - e' la marea che si e' innalzata per contestare il leader razzista e antimeridionale Matteo Salvini e il suo congresso 'dello zio Tom'. Migliaia di giovani di questa citta', ma anche associazioni, movimenti, comitati, realta' di base. Contro una presenza a cui Napoli era complessivamente ostile perche' ha memoria della discriminazione politica e degli insulti continui". "Di quel che e' successo dopo, dell'indignazione trasformata in rabbia e poi delle cariche indiscriminate fino alla fine di viale Giulio Cesare, il ministro Minniti, dopo Matteo Salvini, porta la responsabilita' politica e morale", l'accusa. "Commissariata per l'ennesima volta la citta', sfidata la totale impopolarita' di questa presenza con un provvedimento autoritario che ha imposto alla Mostra un comizio che l'ente autonomo e il Comune che ne detiene la proprieta' non volevano ospitare - aggiungono - una sfida muscolare al sentimento antirazzista e antileghista della citta' completato da un impressionante militarizzazione e dalla costruzione di una 'zona rossa', cui Napoli ha sempre dimostrato di essere allergica. Dal camion dell'amplificazione arrivavano ripetuti inviti a compattarsi e continuare la manifestazione per tornare verso piazza Sannazzaro, ma non e' stato possibile perche' le cariche con idranti e lacrimogeni sono continuate per chilometri su tutta via Giulio Cesare fino all'imbocco della galleria".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077