Menu
Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”,  il grande teatro che è vita

Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”, il grande teatro che è vita

ROMA - Verso la fine dell’Edipo re di Sofocle, Giocasta...

Non siamo un popolo di evasori

Non siamo un popolo di evasori

I dati presentati quest’oggi dal prof. Giovannini ci autorizzano a...

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Prev Next

Salvini a Napoli: esplode la rabbia dei centri sociali

Salvini a Napoli: esplode la rabbia dei centri sociali

NAPOLI - "Il ministro Minniti, insieme a Matteo Salvini, con le sue forzature e la costruzione autoritaria di una zona rossa militarizzata nella Mostra d'Oltremare, contro il volere dell'ente stesso, porta grande responsabilita' politica della rabbia sociale di oggi".

Lo scrivono in una nota i comitati e centri sociali aderenti al Coordinamento "Mai con Salvini", organizzatore del corteo concluso da scontri per i quali lamentano 6 manifestanti contusi. "Poi le cariche indiscriminate che hanno inseguito un corteo di migliaia di persone per chilometri! Liberta' per i fermati!", si legge ancora. "Un fiume di persone, fin ad arrivare quasi a diecimila nelle strade di Fuorigrotta - sostengono - e' la marea che si e' innalzata per contestare il leader razzista e antimeridionale Matteo Salvini e il suo congresso 'dello zio Tom'. Migliaia di giovani di questa citta', ma anche associazioni, movimenti, comitati, realta' di base. Contro una presenza a cui Napoli era complessivamente ostile perche' ha memoria della discriminazione politica e degli insulti continui". "Di quel che e' successo dopo, dell'indignazione trasformata in rabbia e poi delle cariche indiscriminate fino alla fine di viale Giulio Cesare, il ministro Minniti, dopo Matteo Salvini, porta la responsabilita' politica e morale", l'accusa. "Commissariata per l'ennesima volta la citta', sfidata la totale impopolarita' di questa presenza con un provvedimento autoritario che ha imposto alla Mostra un comizio che l'ente autonomo e il Comune che ne detiene la proprieta' non volevano ospitare - aggiungono - una sfida muscolare al sentimento antirazzista e antileghista della citta' completato da un impressionante militarizzazione e dalla costruzione di una 'zona rossa', cui Napoli ha sempre dimostrato di essere allergica. Dal camion dell'amplificazione arrivavano ripetuti inviti a compattarsi e continuare la manifestazione per tornare verso piazza Sannazzaro, ma non e' stato possibile perche' le cariche con idranti e lacrimogeni sono continuate per chilometri su tutta via Giulio Cesare fino all'imbocco della galleria".

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208