Mercoledì, 08 Febbraio 2012 17:49

Viaggio al termine della notte

Scritto da
Rate this item
(8 votes)

"E' così bello cambiar lavoro, non essere ripetitivi; si fanno nuove esperienze ". Chissà quante belle esperienze avrà fatto il Professore per spingerci alla duttilità, sopratutto quando abbiamo passato anni per specializzarci con masters che ci hanno dissanguati. Il punto comunque non è cambiar lavoro, ma trovarlo!

Siamo divenuti poveri in tutti i sensi e abbiamo perso la speranza di vedere un mondo giusto che coltivi valori etici. Non c'è posto, oggi, per il merito, la coscienza, la professionalità tanto meno per il talento e l'eleganza. E' considerato "normale" derubare il prossimo appena si presenta l'occasione, tanto se non lo faceva lui l'avrebbe fatto un' altro. E' considerato "normale" farsi raccomandare, anzi necessario, accettabile contro cambiare un favore con prestazioni sessuali, approfittare di tutto e di tutti per raggiungere i propri traguardi. Si ammira la furbizia, la scaltrezza; quello che conta è il risultato non il mezzo con il quale lo si ottiene. Sconcerta il modo in cui sono maltrattate, ostacolate le donne continuamente vittime di soprusi e violenze. Sono secoli che le donne non percepiscano lo stesso salario di un uomo pur facendo lo stesso lavoro; lui, comunque guadagna di più, perchè? Nei periodi di crisi è la donna a pagare il prezzo più alto e finisce per soccombere per paura e per fame. Altro che diversificare il lavoro ! Siamo in guerra, terrorizzati dalla possibilità di perdere il lavoro, succubi di tasse, burocrazia, minacce. La maggior parte della popolazione patisce e paga di tasca propria la prosperità dei furbetti disonesti. Basta pensare a quei 26 parlamentari che sconvolti all'idea di perdere privilegi o subire restrizioni economiche hanno fatto ricorso per mantenere i loro vitalizi anche se alcuni di loro avevano frequentato il parlamento per soli otto mesi. C' è gente che percepisce più di 40.000 Euro al mese di pensione! E ci meravigliamo se conviviamo con finti invalidi, finti medici, finti poveri?

E anche finti uomini, comandanti e ufficiali che precipitano in scialuppe a mare prima di chiunque, crociere che somigliano più ai club Vacanza dove si va sopratutto per fare sesso. E' il testosterone che sta distruggendo l'umanità! La stupidità, l'avidità e il maledetto testosterone! E poi, ci sono "L'isola dei famosi" e "Saranno famosi" a nutrirci l'anima.
Dove sono finiti i poeti, i mecenati che hanno fatto la fortuna di Picasso, Braque, Cocteau, Chanel, Piaf ? Scoprire talenti è un buissnes, non più un atto di fede e d'amore.

Poi c'è la neve che ha intrappolato centinaia di persone che sono rimaste isolate e prive di acqua e riscaldamento, quando non sono morte. Alcuni TG hanno mandato i loro inviati sul campo in quelle frazioni abbandonate e silenziose: speriamo che abbiano portato con i loro mezzi di trasporto viveri e medicinali...e non si siano accontentati di essere soltanto arrivati per primi...
Poi, arriva il vuoto nel bianco improvviso. Si chiude la luce, l'acqua ringraziando che ci siano. Come un miracolo.
Si spegne la televisione e l'aria che respiri ora è diversa, leggera; trasparente. Saluti la luna piena con gentilezza prima di andare a dormire, ti senti solo ma va bene e le chiedi un favore; bella luna di madreperla riscalda il cuore degli uomini, non lasciarli in balia di pensieri angosciosi, di paure e rabbia. Bella luna d'argento, fa che nessuno muoia stanotte, neppure in sogno.

Last modified on Giovedì, 19 Aprile 2012 15:59

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077