Sabato, 06 Gennaio 2018 11:41

I rischi delle nuove tecnologie, tra potere, disuguaglianze e algoritmi influenti

Scritto da

I progressi tecnologici associati alla quarta rivoluzione industriale - compresa l'intelligenza artificiale - consentono l'automazione di una gamma sempre più ampia di processi in modi sempre più interattivi e sofisticati.

Questi progressi porteranno probabilmente a molte opportunità di sviluppo economico e sociale nei paesi in via di sviluppo, ad esempio aumentando la produzione di cibo. Ma le nuove tecnologie comportano anche rischi importanti, che hanno un significato speciale nei paesi in via di sviluppo. 

Infatti, come sottolinea Ralph Hamann, professore all’Università di Città del Capo, possono sviluppare e esacerbare le disuguaglianze esistenti - sia nei paesi in via di sviluppo sia tra regioni in via di sviluppo e più sviluppate. Tre di questi rischi correlati sono il peggioramento della disoccupazione, l'aumento della concentrazione di potere e ricchezza economica e la diffusione di pregiudizi in algoritmi influenti.

Si manifesteranno in modi diversi e richiedono risposte diverse in diversi contesti. Un problema trasversale è che troppo pochi governi dei paesi in via di sviluppo danno a questi rischi una seria attenzione.

Peggioramento della disoccupazione

La preoccupazione che le nuove tecnologie - in particolare l'intelligenza artificiale - porteranno a perdite di posti di lavoro diffuse è stata ampiamente discussa. Certo, il timore che le nuove tecnologie sostituiscano i lavoratori è vecchio. Ma è stato sottolineato che le tecnologie storicamente nuove hanno spesso dato luogo a più nuovi posti di lavoro rispetto a quelli che sono stati automatizzati.

Ciò che è forse diverso ora è che le nuove tecnologie digitali interconnesse avranno probabilmente una gamma più ampia  di abilità. Pertanto, la prospettiva di nuovi tipi di lavoro potrebbe essere ridotta o limitata a domini sempre più sofisticati, come l'apprendimento automatico.

Inoltre, le nuove tecnologie non stanno solo sostituendo i posti di lavoro, ma stanno anche consentendo la distruzione e la ristrutturazione di intere industrie. Ad esempio, Uber ha già tirato il tappeto da sotto l'industria dei taxi convenzionali in molti luoghi. Immagina le possibili conseguenze del passaggio di Uber alle auto senza conducente. La riduzione del costo del lavoro in molti paesi in via di sviluppo significa che gli investimenti nelle tecnologie per la sostituzione del posto di lavoro saranno inferiori. Ma altri aspetti dei contesti dei paesi in via di sviluppo aumentano la possibile gravità di questo rischio. In primo luogo, la carenza di sistemi e competenze educative efficaci in paesi come il Sudafrica renderà più difficile per le persone essere riqualificati per i nuovi posti di lavoro a tecnologia intensiva che diventeranno disponibili. In secondo luogo, tutti i governi stanno lottando per affrontare le implicazioni delle nuove tecnologie e dei nuovi modelli di business associati. Questa lotta è particolarmente forte nei governi dei paesi in via di sviluppo. Il caso di Uber in Sudafrica riflette questo.

Aumento della concentrazione della ricchezza

Molti paesi in via di sviluppo sono caratterizzati da alti livelli di disuguaglianza all'interno delle loro popolazioni. Le élite all'interno di questi paesi avranno maggiori probabilità di utilizzare l'intelligenza artificiale e altre nuove tecnologie. Ciò aumenterà ulteriormente il rendimento del capitale, ampliando il divario tra la capacità produttiva delle élite e quella di tutti gli altri.

Un effetto simile è probabile a livello globale. Non è un caso che il presidente russo Vladimir Putin abbia identificato l'IA, (Intelligenza artificiale) come il nuovo terreno per la competizione globale tra nazioni.

I vantaggi delle nuove tecnologie per il capitale non sono solo dovuti all'aumento della produttività, ma anche perché consentono nuovi modelli di business che possono controllare o addirittura dominare interi sotto settori e soffocare la concorrenza. Ad esempio, potrebbe diventare possibile per una singola azienda controllare grandi flotte di veicoli automatizzati in una o più grandi aree.

Di nuovo, molto dipenderà dal fatto che gli stati possano tenere il passo con questi sviluppi e rispondere in modo efficace. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla proprietà intellettuale e al diritto della concorrenza. Ad esempio, la rigorosa applicazione dei diritti di proprietà intellettuale per gli algoritmi di intelligenza artificiale potrebbe sostenere una crescente concentrazione economica.

È anche probabile che i governi nazionali possano avere sempre meno influenza su tali decisioni e tendenze. Non di meno, molti governi dei paesi in via di sviluppo non stanno dando la dovuta attenzione a questi sviluppi.

Bias trasformato in algoritmi

Infine, gli algoritmi di intelligenza artificiale che sono al centro della quarta rivoluzione industriale rifletteranno e perpetueranno i contesti e i pregiudizi di coloro che li creano. Le difficoltà incontrate dal software di riconoscimento vocale nel riconoscere particolari accenti sono un esempio relativamente innocuo. Ovviamente, la promessa è che l'intelligenza artificiale consentirà a tali sistemi di imparare ad affrontare tali problemi. Ma il processo di apprendimento stesso potrebbe essere influenzato da pregiudizi razziali, di genere o di altro genere.

Gli algoritmi di IA sono sviluppati quasi interamente nelle regioni sviluppate. Pertanto, potrebbero non riflettere adeguatamente i contesti e le priorità dei paesi in via di sviluppo. Garantire che gli algoritmi di intelligenza artificiale siano appropriatamente addestrati e adattati in diversi contesti è parte della risposta richiesta. Sarebbe ancora meglio se i paesi in via di sviluppo si impegnassero maggiormente nello sviluppo di nuovi sistemi tecnologici fin dall'inizio.

I governi devono agire

Questi tre rischi richiedono che accademici, imprese e attori della società civile partecipino al ruolo delle nuove tecnologie nei paesi in via di sviluppo. Ma una responsabilità speciale spetta ai governi. Per la maggior parte, sembrano distratti.

I governi dovrebbero valutare attentamente i rischi di cui sopra nel loro contesto nazionale e quindi stabilire politiche e programmi corrispondenti. Questo include lo sviluppo delle competenze nazionali e le piattaforme di collocamento, la proprietà intellettuale e le politiche di concorrenza e l'adattamento e lo sviluppo della tecnologia locale. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077