Domenica, 28 Novembre 2010 15:19

La selezione

Scritto da

Nadia Macrì, bbona come poche, ha raccontato a quer finocchio de Murdoch come se svorgevano e selezioni pe annà a finì a Arcore dar granne presidente der Consijo Sirvio. Poi pure ‘n Sardegna.


Praticamente ce stava na specie de aggenzia de mignotte ben dislocata sur teritorio lombardo che reclutava tutte ste fiche allucinanti. Pare che erano ‘n boato, mille mila, e de sta folla ‘nfinita de fiche ne venivano selezzionate poche centinaia. Le più bbone de tutte. A queste je veniva cambiato subito er nome: da mignotte diventavano Escort, come quaa machina da sfigati daa Ford.

Cambiato er nome, se passava a la fase due daa selezzione: Lele Mora, che zitto zitto, quatto quatto, mezzo frocio ma fascista, mezzo bambacione ma fio de na mignotta, le assaggiava ‘n po’ tutte e dava er voto. Le prove erano morto complicatissime, quasi ‘mpossibili. Se passava da la ciucciata der pollicione zozzo all’insaponata de fango cor perizoma de filo interdentale, fino alla temutissima domanda de curtura generale: chi è er mejo? Se nu rispondevi Sirvio te n’ annavi subbito a ‘fanculo.

Superata la fase due, arivava er difficile. La fase tre: Emilio Fede. Er quadro a sto punto se faceva complicato perché Emilio è ‘n pignolo. Pe esse come lui ce vò na certa precisione, ‘n impegno costante, mica cazzi.

‘Nsomma er sor Emilio dava l’urtima scremata, dice Nadiona bbella, e a quer punto toccava lascià er nummero de telefono a la segretaria ‘n pectore de Sirvio: semplicemente la mejo fica che aveva vinto la selezzione dell’anno prima.

Resta quarche dubbio su che vor dì “scremata finale” quanno che se parla de Emilio Fede. Io quarche idea ce l’avrebbe, ma me sa che è mejo che me sto bbono, sennò manno carcerati pure sti sfigati de Dazebao.

‘Nsomma, finarmente se sò superate tutte le fasi, tipo ‘nparto. Hai passato aa selezzione generica con mijardo de fiche, hai passato Lele Mora e sete diventate na milletta, hai passato Fede e sete rimaste ducento…Ariva er miracolo: Sirvio te chiama personarmente.

Te telefona sur cellulare e pe prima cosa t’attacca na pippa ‘nfinita pe ditte che lui è er mejo de tutti, roba che tu già cio sapevi, ma siccome capisci che anche er mejo ‘ncomincia a perde li corpi, stai bbona, appoggi er telefono sur cesso, tiri la catena, te fai er bidet, te trucchi, te ‘nsaponi l’ascelle e quanno ripii er telefono ha appena finito de sbrodolasse addosso. Senti solo: “t’arisurto?”.

A quer punto ariva la fase quattro. Devi risponne co la frase in codice pe fatte aprì er cancello de Arcore e potè finarmente festeggià co tutti li personaggi der momento una de le più belle serate de la vita tua. La frase ‘n codice è risaputa. Devi risponne: “Daje Sirvio, che Fini c’ha er pinolo!”. Tac…! Attacchi er telefono e senza manco rendetene conto t’ha già parcheggiato a du metri da le chiappe na bella BMW serie dodici che te se ‘ncolla e te se porta via.

A sto punto hai svortato: te s’è chiusa la portiera de la machina e te s’è aperto er portone de la vita. Se te giochi bbene sta carta pòi diventà quarsiasi cosa: da segretaria a chirurgo, da parlamentare a ministro, da velina a escort de lusso. Quello che te pare. Ce pensa Sirvio.

Certo che però la selezzione è na botta ‘ncredibbile ahò. Ecco perché Debbora nu je l’ha fatta, cazzo.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]