Venerdì, 18 Marzo 2011 19:35

Yemen, fiamme di rivolta e strage a Sanàa

Scritto da

Negli scontri di oggi a Sanàa si contano 46 morti e 500 feriti.

“Bande armate in borghese e agenti di polizia guidati da esponenti del regime - si legge in una nota pubblicata dal sito yemenita ‘Al-Masdar’ - hanno attaccato un gruppo di persone che manifestavano pacificamente. La responsabilità di quanto accaduto è del presidente Ali Abdullah Saleh per il quale non chiediamo solo le dimissioni ma anche che sia processato dal Tribunale penale internazionale per i crimini commessi contro il suo popolo”. Anche l'Alleanza studentesca per il cambiamento, che sta in sit-in permanente davanti all'università di Sanàa, ha chiesto che il presidente yemenita venga processato dal Tribunale penale internazionale per la strage compiuta oggi nella capitale.

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in un comunicato ha condannato le violenze nello Yemen: ”Condanno con forza la violenza che ha avuto luogo in Yemen - ha affermato Obama, chiedendo al presidente Saleh, di - fare fede alla sua promessa di consentire che le manifestazioni abbiano luogo pacificamente. I responsabili delle violenze di oggi-ha detto ancora Obama- devono essere perseguiti”.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]