Martedì, 03 Marzo 2015 19:42

Gran Bretagna. Ritrovato il corpo della sedicenne scomparsa a Bristol

Scritto da

ROMA - Non c’è ancora la conferma ufficiale, ma i resti di un corpo ritrovati a Bristol dovrebbero proprio essere quelli della sedicenne, Becky Watts, scomparsa lo scorso 19 febbraio. La ragazza sarebbe stata fatta a pezzi.  In tutto sino ad ora sono state arrestate sette persone che sarebbero coinvolte nell'omicidio.

Tra questi un uomo di 28 anni e una donna di 21. Oggi sono stati arrestati altri quattro uomini e una donna, tutti ventenni, che avrebbero aiutato a compiere il terribile crimine. La 16enne era uscita dalla sua casa di Bristol la mattina del 19 febbraio portando con sé il cellulare, il computer portatile e un tablet. Ma non aveva detto ai genitori dove stava andando. Le ricerche erano scattate quasi immediatamente e avevano portato anche alla creazione di un gruppo su Facebook da contattare in caso qualcuno avesse informazioni. La famiglia della giovane, informata del ritrovamento si è detta sconvolta. “Siamo sconvolti dopo questo ultimo sviluppo - hanno dichiarato i familiari in un comunicato - non riusciamo a capire perché qualcuno abbia voluto far del male alla nostra bella Becky in un modo tanto brutale”. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]