Domenica, 21 Febbraio 2016 18:59

Bagno di sangue in Siria. Kerry parla di tregua

Scritto da

DAMASCO  - Ancora sangue in Siria, dove almeno 88 persone sono rimaste uccise in attentati condotti in zone controllate dal governo siriano, Homs e la capitale Damasco.

Mentre da Amman il segretario di Stato Americano John Kerry ha annunciato di aver raggiunto "un accordo provvisorio di principio" con il suo omologo russo Sergei Lavrov sui termini di un tregua in Siria. Ed, in un'intervista a El Pais, Bashar Assad pone delle specifiche condizioni all'entrate in vigore del cessate il fuoco, specificando che non "permetta di guadagnare terreno ai terroristi", termine in cui il regime inserisce anche gruppi ribelli filo occidentali. Nell'esplosione quasi simultanea di due autobomba sono rimaste uccise 57 persone ad Homs, mentre almeno 31 sono rimaste uccise in una serie di esplosioni avvenute nel quartiere sciita di Sayyida Zeinab, nella periferia sud di Damasco, secondo quanto riporta l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Si tratta in entrambi i casi di zone controllate dalle forze governative dove sono avvenuti in passato altri attentati, rivendicati dallo Stato Islamico. In particolare gli attacchi di oggi a Damasco - almeno uno condotto con un'autobomba ed altri due con terroristi kamikaze armati di cinture esplosive - sono avvenuti nei pressi del santuario con la tomba di Zaynab, la nipote di Maometto, che esattamente un mese fa è stato colpito da un altro attentato in cui sono rimasti uccise 71 persone, 29 civili e 42 miliziani filo regime.

nsiderato una roccaforte del governo e luogo sacro degli sciiti, si dice che il santuario sia protetto da guerriglieri Hezbollah. Sono almeno 39 i civili rimasti uccisi nelle esplosioni ad Homs, avvenute nel quartiere di al-Zahraa . Nel riferire del suo colloquio con Lavrov, Kerry ha anticipato che Barack Obama e Vladimir Putin "potranno parlare nei prossimi giorni per cercare di chiudere l'accordo" sulla tregua, precisando che la task force, guidata da Russia e Stati Uniti, sta lavorando intensamente "per sviluppare le modalità della cessazione delle ostilità". Da parte di Mosca non vi è stata però la conferma del raggiungimento dell'intesa, con il ministero degli Esteri russo che si è limitato a dire che i due ministri hanno parlato delle "modalità e dei termini della tregua in Siria, con l'eccezione delle operazioni contro i terroristi". Riguardo a questo, il presidente Bashar al Assad, nell'intervista al giornale spagnolo, ha fatto capire che vi potrebbero essere ulteriori ostacoli all'entrata in vigore della tregua, affermando che Siria e Russia "hanno annunciato quattro nomi" contro cui "ovviamente" continueranno le operazioni: "Ahrar al-Cham, Jaish al-Islam, al-Nusra e Stato Islamico".

ACome è noto gli Usa hanno già annunciato che la tregua non riguarderà gli ulti due gruppi, ma i primi due sono tra i maggiori gruppi di ribelli che i paesi occidentali ritengono essere parte di ogni processo di pace Inoltre, Assad ha specificato di essere "pronto" ad applicare il cessate il fuoco, a patto che "si impedisca che i terroristi lo sfruttino per guadagnare terreno". E che si impedisca "ad altri Paesi, in particolare la Turchia, di inviare altre reclute, più armi e ogni altro sostegno logistico a questi terroristi".

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]